Musica e miracoli di Giuseppe Verdi all'Ippopotamo

Lunedì 22 all'Ippopotamo a Torino le più belle arie di Rigoletto, Trovatore e altri capolavori insieme ad aneddotti della vita di Giuseppe Verdi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Nell'anno dedicato al bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, non poteva mancare nella rassegna dell'Ippopotamo di corso Casale 17 uno spettacolo dedicato al compositore di Rigoletto, Aida, Traviata e moltissimi altri capolavori. La rassegna continuerà fino alla fine di settembre ed è organizzata dall'associazione L'Opera Rinata con la collaborazione dell'AICS Torino.

Lunedì 22 con ingresso gratuito andrà in scena lo spettacolo Giuseppe Verdi-Musica e Miracoli di un artista, scritto da Valter Carignano e con Norma Orabona e Merita Di Leo, soprani; Giuseppina Salemme, mezzosoprano; Valter Carignano, baritono e attore; Paolo Audello, tenore; Marina Di Paola, attrice; Eva Carazzolo, pianoforte.

Durante la serata, alcuni dei suoi brani più famosi come 'La donna è mobile', 'Stride la vampa', 'Ave Maria', 'Caro nome' e 'Bella figlia dell'amore' si alterneranno con le sue parole e le opinioni, gli apprezzamenti, le critiche dei suoi contemporanei.

Verdi non era infatti soltanto un compositore geniale, ma anche un uomo partecipe della vita del suo tempo. Diviene un simbolo dellUnità d'Italia, ma successivamente non risparmia le critiche al parlamento, a suo dire troppo lento e troppo preso a seguire tattiche e compromessi, anziché pensare alle cose importanti da fare per il Paese.

Il ritratto di un'epoca attraverso l'opera di un genio.

Torna su
TorinoToday è in caricamento