Giaveno sarà la "Città del Buon Pane": appuntamento domenica 13 settembre

  • Dove
    centro storico
    Indirizzo non disponibile
    Giaveno
  • Quando
    Dal 13/09/2020 al 13/09/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Il 13 settembre a Giaveno si trasforma nella "Città del Buon Pane". Per tutto il centro, lavorazione e vendita di pane, grissini e prodotti da forno, tra cui i biscotti del pellegrino. Mercato dei prodotti del territorio, artigianato e creatività. Apertura e visita del Mulino della Bernardina e Mulino du Detu; in piazza Molines dimostrazione della trebbiatura di un tempo ed esposizione dei trattori d'epoca. Concorso vetrine dedicate al pane e percorsi in Mountain Bike. Infine, verranno ospitati i francesi di Saint Jean de Maurienne, il comune gemellato con Giaveno.

L’appuntamento di quest’anno sarà  diverso, la pandemia da Coronavirus e l’adozione  delle  misure anti Covid – 19 hanno  modificato  l’assetto  della manifestazione con la rinuncia alla sfilata e al taglio del grissino, alla trebbiatura in piazza  e all’esposizione dei trattori.

Piazza Mautino ospiterà l'Associazione Panificatori Artigiani De.C.O. con la sua  brigata di  panettieri per la proposta  di pane e grissini,  biscotti  del pellegrino e altre bontà da forno dolci e salate. L’area di panificazione e di vendita sarà allestita  e potrà essere  raggiunta con un percorso obbligato sotto le arcate per chi vorrà vederla e da alcune postazioni con il distanziamento per chi invece accederà al banco per gli acquisti.

A Giaveno, va ricordato  che la produzione di pane, grissini, prodotti da forno, è storia di famiglie e di generazioni che si sono svegliate presto e continuano a svegliarsi presto per fare pane e farlo con  passione   seguendo la   tradizione  con forme grandi e “storiche”:  micca, biove,  mezzana, stirotto,  riconosciute  con la Denominazione  Comunale d’Origine ma anche per lavorare pani piccoli e dai gusti nuovi e ritrovati:  pane ai cereali, segale e mais e con loro per produrre fragranti grissini, dello “Stirato Torinese” e altre bontà da forno che valorizzano materie prime del territorio e  la storia, come il pane e i biscotti del Pellegrino,  pensati e realizzati anche per arricchire  la  promozione turistico culturale del territorio della Sacra di San Michele, abbazia simbolo del Piemonte  e la Via Francigena Valle Susa e  la sua deviazione su Valgioie e Giaveno. 

In prossimità della  piazza   saranno  presenti altri  soggetti del programma "Dal Grano al Pane, tra Forni e Mulini" con spazi  espositivi dedicati: il Mulino della Bernardina  con le sue farine, il Giardino Botanico Rea con le Associazioni Principi Pellegrini - Divangazioni, Centro Arti e Tradizioni Popolari e Mulino Du Detu, il miele  dell’Hobby del Miele.

In questa edizione in piazza Molines sarà allestita una piscina di fieno per bambini  fino a 10 anni,  a cura dell'Associazione Fuori di Clown. L’accesso sarà  possibile  a 5 bambini alla volta.

I due Mulini cittadini, della Bernardina in via Vittorio Emanuele II n. 260 e Du Detu in via Beale n. 8 saranno aperti al mattino  dalle 10 alle 12.30 e al pomeriggio dalle 14 alle 18.30 e saranno anche raggiunti da un Pedibus guidato con partenza dall'Ufficio Turistico di Giaveno  di piazza  San Lorenzo 34 su prenotazione, nei  seguenti orari: alle 10, alle 13.30 e alle 16.

In borgata Buffa, al n. 260 di via Vittorio Emanuele II si trova l’antico Mulino della Bernardina. Un mulino a pietra risalente al 1745 tramandato di padre in figlio che rischiava di finire in disuso ma che così  non è stato grazie alla volontà della famiglia Ughetto e dell’attuale Mugnaio Ernesto che con molto impegno hanno mantenuto viva la tradizione e l’uso del mulino. A questa attività hanno  affiancato la coltivazione di antiche varietà di mais  oltre al grano e alla segale. 

Presso il Mulino della Bernardina  nell’ambito del programma “Dal Grano al Pane tra Forni e  Mulini  sarà visitabile anche e fino al 30 settembre, la mostra a pannelli “Tempo di Mulini”  realizzata dal Museo Civico Etnografico del Pinerolese e Centro Arti e Tradizioni Popolari. Il percorso  secondo  il coordinamento di Ezio Giaj, direttore del Musep e della presidente Alessandra Maritano,  propone  attraverso i  testi a cura di Emanuela Genre ed immagini  della stessa curatrice e  di Remo Caffaro uno spaccato  di storia e  cultura sociale popolare di secoli. I mulini  costituiscono infatti dei capisaldi del mondo socio economico del passato, identità e opportunità culturale, didattica e turistica  nell’attualità. Al centro della mostra  gli aspetti dell’acqua come forza motrice, la storia ed evoluzione dei mulini ad acqua, i mulini privati, comunali, consortili e religiosi. Un focus è rivolto poi alle macine,  cuore pulsante del mulino, ai mulini in attività nel terzo Millennio e ai mulini musei. Per informazioni  e prenotazione visite si possono contattare i seguenti recapiti telefonici: 011.9376564 – 339.7590216.

Aperto anche il Mulino chiamato “Du Detu”, sito in via Beale 8 della famiglia Giuseppe Colombatti. Edificato nel 1218,  quindi con un trascorso di attività di ottocento anni come “racconta” una targa ancor oggi parzialmente visibile sopra il portone di ingresso, questo era il mulino abbaziale, appartenuto ai monaci benedettini dell’Abbazia di San Michele della Chiusa, acquistato e restaurato nel 1877 da Benedetto Giai Via, detto “Detu”. Il mulino possiede una grande ruota esterna a pale metalliche e all’interno ruote in pietra. É stato in attività ancora durante la seconda guerra mondiale e negli anni immediatamente successivi. 

In piazza Molines, nel centro storico e cittadino   mercatino dei prodotti del territorio,  agroalimentare, dell’artigianato e della creatività.

“ Un particolare ringraziamento  va ai panettieri De.C.O. che pur in un periodo di difficoltà hanno voluto impegnarsi per dare un segnale di ripresa, di  ripartenza – sottolinea  l’Assessore al Commercio e Agricoltura  Marilena Barone –.Tra le  presenze di questa edizione i produttori locali, le aperture e le passeggiate guidate ai mulini, luoghi  di  storia, cultura e lavoro. Invito tutti a venire a trovarci. Un grazie  va a tutti gli uffici comunali e all’ufficio del  turismo coinvolti per la preparazione e realizzazione dell’evento.”

Torna inoltre quest'anno il Concorso delle vetrine dedicate al Pane. L'Associazione  Panificatori premierà le tre vetrine più originali con un cesto di prodotti locali.

Per  la giornata di domenica 13 settembre   l'Associazione Val Sangone Outdoor organizza due  uscite sul territorio in mtb: una alle 10 lungo il Sentiero delle Macine di Coazze  per Bikers preparati ed una  per giovani bikers e famiglie alle 15.45 su  percorso diverso. Prenotazioni  entro l'11 settembre presso il Negozio Dottor Gioco e Mr Bike di piazza  Molines a Giaveno.

Anche  quest'anno l'immagine  del manifesto e dei volantini della manifestazione sono stati realizzati da un'artista locale. Rallegrano ed incuriosiscono i disegni "leggeri e allegri" dell'artista giavenese Tiziana Pisano che raffigurano diverse fasi della lavorazione per arrivare al pane di Giaveno. 

Il ciclo si compone di cinque scenette a rappresentare  la storia del pane resa partendo dalla semina, passando attraverso  la mietitura, il setaccio della farina dall’alto di una delle  torri  dell’antica cinta muraria, al forno molto speciale, la bocca del “Mascherone” per arrivare  al taglio del pane. In ciascuna  un “omino” stilizzato  al lavoro cattura l’attenzione  di  grandi e piccoli. L’artista ha impiegato matite colorate  nei colori caldi del grano e del pane dorato e il tratto del pennarello  per le sagome.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Sagre, potrebbe interessarti

  • 45° Sagra del cardo, della bagna cauda e della cipolla piattellina ad Andezeno

    • Gratis
    • 11 ottobre 2020
    • Piazza Italia

I più visti

  • Visite animate e gratuite a Palazzo Cisterna: il calendario del 2020

    • Gratis
    • dal 18 gennaio al 19 dicembre 2020
    • Palazzo Cisterna
  • Passeggiata facile in media montagna, sul Sentiero degli Orridi

    • dal 4 maggio al 31 ottobre 2020
  • Escursioni, Sentiero della Decauville per raggiungere il Lago di Malciaussia:

    • dal 4 maggio al 30 settembre 2020
  • A piedi o in bici sul Sentiero Ritrovato: si parte da Chiusa San Michele

    • dal 4 maggio al 30 novembre 2020
    • Borgata Bennale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    TorinoToday è in caricamento