Un flash mob per la scuola, mercoledì 10 giugno

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 10/06/2020 al 10/06/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Mercoledì 10 giugno, al mattino, tutti gli studenti, gli insegnanti e i genitori degli alunni di qualsiasi anno o grado sono invitati a mettere in vista su balconi, porte o giardini i propri zaini e cartelle pronti, come per andare a scuola. È il flash mob promosso dal movimento “Andremo tutti a scuola”, nato a Savigliano, nel cuore della provincia di Cuneo. Ispirato dallo slogan “Andrà tutto bene”, apparso anch’esso su molti balconi, Andremo tutti a scuola nasce con lo scopo di chiedere maggiore attenzione e risorse da parte del Governo sulla scuola e di rimettere l’educazione al centro del rilancio dell’Italia.

L’insegnamento è stato completamente stravolto dalle misure di lockdown e la didattica a distanza sembra aver rivelato più limiti e criticità che rappresentare l’alternativa alle lezioni in aula. Infatti, tutte le famiglie che non avevano una linea internet veloce e un computer o tablet aggiornati hanno avuto serie difficoltà a stare al passo. Gli studenti che avevano bisogno di assistenza non sono stati seguiti in maniera adeguata. E poi c’è chi a casa non ha uno spazio suo per poter concentrarsi sui compiti e sulle lezioni. Insomma, ognuno “fa quel che può, quel che non può non fa” come diceva il Maestro Alberto Manzi. Vale a dire che le famiglie che hanno i mezzi per poter andare avanti in qualche modo si sono arrangiate, gli altri sono rimasti semplicemente indietro. Se a febbraio il Covid-19 ci ha colti di sorpresa e non c’è stato il tempo per organizzarsi, per la ripresa di settembre la situazione attuale non è più accettabile.

“Quando ho sentito per la prima volta la ministra Lucia Azzolina parlare di una ripresa con metà classe in aula e metà a casa sono rimasto esterrefatto – commenta Luca Meinardi, coordinatore del gruppo e papà di un bimbo alla scuola primaria -. Per me è una cosa inaccettabile. È la sconfitta della scuola pubblica e di fatto l'abbandono delle famiglie da parte dello Stato. Lavoreremo e se necessario ci faremo sentire fino a quando non verranno trovate le soluzioni e le risorse per garantire un ritorno in aula, tra amici, colleghi e docenti, per tutti quanti e con i dovuti accorgimenti per la salute e la sicurezza di tutti.

Al momento si parla di un ritorno tutti in classe, ma non vorrei che a luglio o ad agosto, quando le famiglie saranno sotto l'ombrellone o a camminare in montagna, arrivi poi la brutta sorpresa, magari dettata dal fatto che le norme siano così stringenti da risultare difficili da applicare. Dobbiamo mantenere l'attenzione viva”. Andremo tutti a scuola è presente con una pagina omonima su Facebook e con una petizione su Change.org (al link change.org/andremoTuttiAScuola).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • "Io non che non ci casco", la nuova iniziativa online del Museo del Risparmio

    • dal 4 gennaio al 31 dicembre 2021
    • Online
  • Bardonecchia, per la festa della mamma l'azalea della ricerca per la cura del cancro

    • 9 maggio 2021
    • centro
  • "Torino a cielo aperto", il festival d'estate torinese 2021

    • dal 1 giugno al 30 settembre 2021
    • aree verdi della Città

I più visti

  • Il Bioparco Zoom ha riaperto: ad accogliere i visitatori il nuovo habitat con i rettili d'Africa e America

    • dal 26 aprile al 30 settembre 2021
    • Bioparco Zoom
  • Caravaggio ai Musei Reali: da Roma arriva il San Giovanni Battista

    • dal 25 febbraio al 30 maggio 2021
    • Galleria Sabauda
  • Apre a Torino la Voice Art Academy: lezioni a partire da ottobre

    • dal 1 ottobre 2020 al 31 luglio 2021
    • Voice Art Academy
  • Cinema aperti con il nuovo film di Woody Allen dal 6 maggio nelle migliori sale di Torino

    • dal 6 al 5 maggio 2021
    • Torino
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TorinoToday è in caricamento