Festival Internazionale Differenti Sensazioni alle Officine Caos

Sabato 26 settembre parte Differenti Sensazioni, 33a edizione del Festival Internazionale che si distingue per l’innovazione e la passione per l’intreccio e la contaminazione tra i linguaggi dello spettacolo dal vivo. Un Festival per tutti: quest’anno eccezionalmente gli spettacoli, i laboratori e gli eventi collegati sono a ingresso gratuito previa prenotazione, nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti contro la pandemia covid 19. Un Festival innovativo e inclusivo, attento alle più originali tendenze della produzione culturale contemporanea e sensibile al gusto e alle aspettative di tutto il pubblico: a partire dai cittadini delle Vallette, quartiere all’avanguardia per la rigenerazione urbana e la diffusione policentrica degli interventi culturali.

La formula, come di consueto, prevede due spettacoli per ogni appuntamento, per offrire un ampio ventaglio di linguaggi, modi e stili performativi. Nelle 5 serate del festival saranno presentati i lavori di dieci compagnie, 2 provenienti dal Piemonte, 4 da altre regioni italiane e 4 dall’estero: in scena produzioni inedite e riallestimenti di successo, spettacoli in prima assoluta o italiana e segnalati dalla critica e da premi nazionali e internazionali. Nelle prime due serate del Festival andranno in scena lavori che sono il frutto di residenze artistiche svolte alle Officine Caos.

IL programma

Sabato 26 settembre alle 21 il festival si apre con "Untold", della compagnia romana Unterwasser“, che ha debuttato il 20 settembre alla Biennale di Venezia.  Un viaggio introspettivo, con la proiezione a vista di corpi e oggetti in cui l'illusione e lo svelamento dell'artificio convivono, e il linguaggio del teatro visuale si fonde con una colonna sonora originale che diviene parte integrante della drammaturgia. Alle 22 delleAli Teatro di Milano presenta in prima nazionale "Bee", ispirato al mondo delle api e al pensiero di Joseph Beuys, artista tedesco che dopo la Seconda Guerra Mondiale affermava un concetto molto attuale: la necessità di vivere ‘In difesa della natura’, in comunione tra arte e vita. Attraverso un lavoro che ha incluso un laboratorio di sound painting con adulti e bambini, la compagnia crea “un’orchestra di corpi e voci, sintonizzati sulla frequenza delle api, una Scultura Sociale vivente per impollinare la città”.

Sabato 10 ottobre sarà dedicato a due collaborazioni tra artisti e istituzioni italiane e francesi. Alle 21 andrà in scena "The Barnard Loop" di Dispensa/Barzotti. “The Barnard Loop”, l’anello di Barnard - nebulosa nella costellazione di Orione di forma circolare - tratta con delicatezza la paura di restare soli, la sensazione di essere un piccolo punto nell’immensità dell’universo. Su un tappeto sonoro creato da una voce registrata e dai rumori quotidiani che a tratti si trasformano in musica, il danzatore Francesco Napoli è diviso tra il dolore dell’abbandono e la necessità di una rinascita. A seguire, alle 22, in prima nazionale "La Commedia Divina"  #like4like di Cie EsseVesse. Un tributo alla Commedia di Dante, un’occasione per interrogarsi sulla complessità della relazione tra un'opera, il suo autore e il suo pubblico, usando i linguaggi della danza, della musica e dell'arte visiva. La performance, ispirandosi ai tre canti della Commedia, presenta tre azioni sceniche che si sviluppano in un universo sonoro che oscilla tra digitale e analogico.

La serata di sabato 24 ottobre si apre alle 21 con "Aresta", progetto del musicista e performer spagnolo Marc Vilanova. In scena, un’installazione scultorea costituita da un’insieme di sassofoni. Sospesi con  strutture metalliche, gli strumenti sembrano non aver più bisogno di un intervento umano per esibirsi. La musica viene generata tramite intelligenza artificiale, riprodotta attraverso gli strumenti e sincronizzata con oltre cento LED posti all’interno dei loro corpi. L’esecutore interagisce con l’installazione, mettendo in discussione la necessità di un musicista sul palco e la potenziale inutilità del suo ruolo. A seguire, alle 22, la compagnia torinese Lab Perm presenta "Tragodia"…quell’anno in cui… ideato nel periodo del lockdown. Attraverso le fotografie scattate da Stefano Stranges e i canti senza parole degli artisti di Lab Perm, si rivela quello che, chiusi nelle nostre case, storditi dai dati dei telegiornali, ci era impossibile vedere: la solidarietà e le persone che hanno scelto di agire per sostenere i loro simili in difficoltà. “Tragodìa” risponde al bisogno di sublimare il male di vivere. Un bisogno vivido nel corpo della nostra attuale società”.

Sabato 7 novembre alle 21 con "Lonely Lonely" torna a Caos il duo formato dall’artista estone Tiina Sööt e dall’austriaca Dorothea Zeyringer.
Con il linguaggio essenziale e asciutto che contraddistingue la loro ricerca, le performer mettono in scena il tema dell’ identità di genere, investigando con ironia e leggerezza la dialettica tra la necessità di essere calorosamente accolti e il bisogno di coltivare la propria dimensione privata.
Alle 22 Stalker Teatro presenta "La nebbia della lupa". E’ chiamata lupa la  sottile nebbia che si forma sullo stretto di Messina. Nell’ambito del Cristianesimo, il lupo è da sempre stato identificato con il diavolo, declinato al femminile. Un’altra tesi vuole che il nome lupa derivi dal suono che le imbarcazioni emettevano per segnalare la propria posizione in mare in caso di nebbia. Elaborando queste immagini, Stalker Teatro coinvolge il pubblico in visionarie suggestioni intorno a questo animale simbolico e misterioso.

Il Festival termina sabato 21 novembre con due spettacoli che scelgono la danza per esplorare il tema del doppio e l’illusorietà dell’immagine. La serata si apre alle 21 con "Riflessioni" della formazione livornese Mo-wan Teatro. Una coreografia a due, interpretata da Maurizio Giunti e Claudia Caldarano, che gioca con la specularità e i suoi esiti fisici e psicologici, utilizzando molteplici rifrazioni in un continuo differire, mentire, rompere l’incantesimo dell’identico, componendo una sorta di manuale di zoologia fantastica.
Alle 22 Differenti Sensazioni si conclude con "Romanza/riflesso", del gruppo romano Cie Twain. La coreografia di Loredana Parrella, che firma anche la regia, è interpretata da Yoris Petrillo e Caroline Loiseau, ed è il secondo quadro del Trittico dell’Intimità:  “un percorso - si legge nelle note di regia -  dove Amore e Sofferenza diventano emozioni che si esprimono attraverso le fragili leggi dei nostri corpi”.

Eventi e attività

Giovedì 1° ottobre, ore 21: "Esterno Notte" Fotografie e proiezioni sulla città.
In collaborazione con CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia.
In occasione del quinto compleanno di CAMERA, nell’ambito dell’iniziativa “5 anni in 5 giorni”,  proiezioni fotografiche in Piazza Montale a cura di Officine Caos.
"Mente/corpo/composizione": laboratori condotti dal drammaturgo Remo Rostagno, dalla coreografa Erika di Crescenzo e dal regista Gabriele Boccacini. (26 settembre, 10 e 24 ottobre)

Bookshop / spazio alla lettura, tutte le sere di spettacolo.
A cura di ISMEL - Istituto per La Memoria e la Cultura del Lavoro, dell’Impresa e Diritti Sociali: Fondazione Istituto Piemontese Antonio Gramsci; Fondazione Vera Nocentini; Istituto di Studi Storici Gaetano Salvemini - Polo del ‘900.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Il 25° Festival delle Colline Torinesi diventa "diffuso" e... dura un anno

    • dal 4 giugno 2020 al 30 giugno 2021
    • Varie location
  • La Divina Commedia Opera Musical all'Alfieri

    • dal 26 al 31 gennaio 2021
    • Teatro Alfieri
  • Cineteatro Baretti, riparte la stagione in streaming: gli appuntamenti di gennaio

    • dal 12 al 27 gennaio 2021
    • streaming, pagina facebook @cineteatrobaretti

I più visti

  • Torna la XXIII° edizione di Luci d'Artista: tutte le novità di quest'anno

    • Gratis
    • dal 30 ottobre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Torino
  • Andy Warhol è ... super Pop! Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi

    • dal 24 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzina di Caccia di Stupinigi
  • Apre a Torino la Voice Art Academy: lezioni a partire da ottobre

    • dal 1 ottobre 2020 al 31 luglio 2021
    • Voice Art Academy
  • Agriflor, il primo appuntamento del 2021 in piazza Vittorio

    • solo oggi
    • 24 gennaio 2021
    • Centro cittadino
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TorinoToday è in caricamento