"Due giorni per l'autunno" al Castello di Masino

Da venerdì 21 a domenica 23 ottobre 2016 il Castello e Parco di Masino a Caravino (TO) ospiterà la dodicesima edizione della “Due giorni per l’autunno”, mostra e mercato di fiori e piante insoliti, attrezzi e arredi per giardino organizzata dal FAI – Fondo Ambiente Italiano con la regia dell’Architetto Paolo Pejrone, fondatore e Presidente dell’Accademia Piemontese del Giardino.
 
La manifestazione, uno tra i più amati appuntamenti di florovivaismo autunnali, anche quest’anno durerà tre giorni (invece che due), per permettere al sempre maggiore pubblico che per l’occasione “invade” il grande Prato di Eufrasia, nel parco del castello, di curiosare e fare acquisti tra le collezioni di punta e le novità proposte da oltre 150 vivaisti italiani ed europei, accuratamente selezionati sulla base di criteri di eccellenza, innovazione e sostenibilità ambientale.

Un’ottima occasione per progettare il “giardino che verrà”, incontrare esperti del settore a cui poter chiedere consigli e spiegazioni, trovare freschissimi prodotti dell’orto e del frutteto o anche solo per passare una giornata all’aria aperta e rilassarsi circondati dalla bellezza, tra piante mai viste, fiori di ogni tipo, specialità del territorio e il fascino di una reggia millenaria da cui si domina lo straordinario panorama dell’Anfiteatro Morenico di Ivrea.
 
Tra le categorie in mostra: alberi e arbusti a colorazione autunnale; piante aromatiche e officinali, da frutta e da orto; bulbi, tuberi e rizomi a fioritura primaverile; piante a fioritura autunnale con bacche ornamentali; sementi rare, rose a fioritura invernale, iris rifiorenti, viole ibride e fior di loto da vaso.

E ancora piante per giardini ombrosi, collezioni di lavanda, iris palustri; flora autoctona, piante di bambù e strutture in bambù per giardini; zucche ornamentali e commestibili, dolci di zucca all’arancia, mirtilli sciroppati e frutti antichi; attrezzature per la cura del giardino, dell’orto e del frutteto; cesterie, vasi decorati e lumi da giardino; editoria specializzata e quadri con fiori pressati.
 
Sarà anche possibile acquistare prodotti dell’orto e del frutteto d’autunno, la maggior parte dei quali “presidi Slow Food” perché rispondono a specifici criteri di stagionalità, tipicità territoriale e filiera corta.

Solo per fare alcuni esempi: cardo bianco e cipolle gialle piatte di Andezeno; peperoni cuore di bue di Carmagnola e peperone quadro di Cuneo; cardo gobbo di Nizza Monferrato; porri e rape bianche di Cervere; patate blu e marroni della Val Susa e patate di montagna; cavoli verza di Montalto Dora e cavolfiori di Moncalieri; ravanelli di Torino; mele Annurca di Benevento; noci di Sorrento e nocciole del Piemonte.
 
Novità di questa edizione 2016 saranno le passeggiate botaniche a tema: nei tre giorni di manifestazione esperti del settore accompagneranno i visitatori (iscrizione in loco gruppi di massimo 20 persone) presso alcuni degli espositori in mostra alla scoperta di collezioni e coltivazioni di bulbi, rose, piante da frutto ed erbe dell’orto e specie insolite, fornendo anche preziosi consigli.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Fiere, potrebbe interessarti

  • Paratissima si rinnova: durerà fino a dicembre

    • dal 23 ottobre al 8 dicembre 2020
    • ex Accademia Artiglieria

I più visti

  • Visite animate e gratuite a Palazzo Cisterna: il calendario del 2020

    • Gratis
    • dal 18 gennaio al 19 dicembre 2020
    • Palazzo Cisterna
  • A piedi o in bici sul Sentiero Ritrovato: si parte da Chiusa San Michele

    • dal 4 maggio al 30 novembre 2020
    • Borgata Bennale
  • Ha riaperto Casa Lajolo: al via anche le visite guidate

    • dal 31 maggio al 31 dicembre 2020
    • Casa lajolo
  • Fase 2, la Palazzina di Caccia di Stupinigi riapre al pubblico

    • dal 26 maggio al 31 dicembre 2020
    • Palazzina di Caccia di Stupinigi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento