menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di Valerio Minato

foto di Valerio Minato

Redbull Soapbox Race, la creatività giù dalla collina

Ooltre 60 team si sono sfidati con vetture rudimentali e bizzarre, create appositamente ad hoc per la gara. A vincere una chitarra elettrica con amplificatore

Erano oltre 20mila le persone che ieri hanno affollato la collina torinese per assistere ad una delle gare più pittoresche dell'anno, la Red Bull Soapbox Race, l'appuntamento che ha portato 61 team agguerritissimi a sfidarsi con le proprie rudimentali vetture, create ad hoc per l'occasione.

Un percorso breve - dal monte dei Cappuccini a piazza Crimea - ma denso di adrenalina, nel quale a sfidarsi, sono state la creatività e l'esibizionismo. Piccole e grandi vetture rudimentali, carretti come fossero aiuole fiorite e bizzarri conducenti - qualcuno vestito anche da uovo. A parte qualche caduta, le "auto" hanno superato indenni una spettacolare parabolica e ben due salti.

(L'articolo continua dopo la gallery)

Ad aggiudicarsi il premio finale, il team milanese "Let There Be Rock", con un'auto a forma di chitarra elettrica con amplificatore, che, sulle note degli AC/DC, ha sbalordito completamente la giuria. Al secondo posto il team torinese con "Pollocar" ed al terzo il team "Cappuccetto Rosso".

L'evento è stato seguito anche in diretta streaming da un pubblico di oltre 11mila persone. Una gara pittoresca che ha lasciato tutti sbalorditi, non soltanto dalla creatività dei partecipanti, ma anche dalla voglia di mettersi sempre e comunque in mostra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento