Cultura Via Principe Amedeo, 7

La Palazzina di Stupinigi parla cinese, si punta al mercato con gli occhi a mandorla

Da settembre è online il sito internet cinese curato da una redazione specializzata con sede a Shanghai

Da questo mese di settembre la Fondazione Ordine Mauriziano apre online un nuovo servizio dedicato al gioiello juvarriano che dal 1729 rappresenta il fiore all'occhiello della capitale sabauda.

Grazie a una redazione specializzata con sede a Shanghai, infatti, la fondazione che gestisce i beni culturali dell'antico Ordine Mauriziano ha realizzato un servizio in lingua cinese che - oltre al sito- si occupa di divulgare sui social network locali (fra cui il popolarissimo wechat) e con newsletter settimanale, eventi e offerte culturali legati alla Palazzina.

Con l'attivazione di un profilo sulla terza piattaforma mondiale di messaggistica QQ (del gruppo Tencent) -una media di 860 milioni di utenti mensili- la Fondazione Ordine Mauriziano completa il lancio della destinazione "Palazzina di Caccia di Stupinigi" sull'immenso mercato del nuovo turismo colto cinese.

Una scommessa che punta a conquistare l'attenzione di 2.500 high-spender entro la primavera del 2017, ma anche a gratificare i cinesi che -pur vivendo in Italia- continuano a coltivare il legame con la lingua e gli strumenti di comunicazione del paese d'origine. 

I Commissari della Fondazione Ordine Mauriziano sottolineano che "Il collegamento diretto con le piattaforme cinesi si deve - come l'intero servizio di fruizione - alle sole capacità organizzative interne. Un risultato non banale se si pensa che i colleghi di Versailles si sono dimostrati interessati a seguire le stesse modalità di contatto da noi elaborate. Speriamo che anche questo serva a risolvere il paradosso che continua a vedere la gestione della perla delle Residenze sabaude affidata alle sole e stressate risorse economiche proprie: un caso unico nel panorama delle attività museali pubbliche nazionali".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Palazzina di Stupinigi parla cinese, si punta al mercato con gli occhi a mandorla

TorinoToday è in caricamento