Il Salone del Libro 2020 si farà in autunno, ma sarà "diffuso" sul territorio

Per la prima volta non si terrà al Lingotto

L'edizione 2020 dice addio alle tradizionali code all'ingresso

Ogni dubbio è stato fugato: il Salone del Libro 2020 si farà.  Dopo l'incontro in Regione fra l'associazione Torino Città del Libro, il Comune e il Circolo Lettori,  si è deciso che in autunno una sorta di evento traghetterà fino all'edizione 2021.

Niente stand, né code però e soprattutto non si terrà come vuole ormai tradizione, nei padiglioni del Lingotto. Si sta lavorando a una formula nuova che unirà una serie di appuntamenti in rete agli incontri dal vivo, sparsi sul territorio: un modo per lanciare la ripartenza e il Salone del Libro del prossimo maggio. Il tutto nel rispetto delle norme anti covid per contenere la diffusione dei contagi.

Intanto, a margine dell'incontro, sono stati garantiti entro la prima metà di agosto il saldo dei pagamenti in sospeso - che i dipendenti attendono da mesi - e il rinnovo dei contratti per consulenti e collaboratori che sono già impegnati a progettare e definire le prossime tappe. Inoltre la giunta regionale delibererà nei prossimi giorni i fondi per la realizzazione dell'edizione del Salone 2021. Entro la fine di settembre infine, verrà approvato il nuovo protocollo d’intesa con una validità fino al 2023.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Piemonte verso la zona gialla e le regole per le festività natalizie: riepilogo

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Tragedia in ospedale a Torino: paziente si uccide gettandosi dal quarto piano

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

Torna su
TorinoToday è in caricamento