I Musei statali del Piemonte riaprono con nuovi orari e modalità di visita

Tornano visitabili Villa della Regina, Palazzo Carignano, il Castello di Agliè e quello di Moncalieri

I magnifici interni di Villa della Regina che si prepara alla riapertura

Da venerdì 3 luglio riaprono al pubblico anche i Musei statali del Piemonte. Ma lo fanno con nuovi orari e nuove modalità di visita. Terminate le operazioni per adeguare le strutture e i percorsi di visita alle nuove misure di sicurezza per evitare i contagi da covid-19, finalmente tornano visitabili, a Torino e in provincia, Palazzo Carignano, Villa della Regina, il Castello di Agliè - noto per la fortunata serie tv "Elisa di Rivombrosa" -  e gli appartamenti reali del Castello di Moncalieri. Ancora qualche problema invece per l'Abbazia di Fruttuaria, a San Benigno Canavese: il percorso sotterraneo non è conforme ai parametri attuali e al momento resterà ancora chiuso. 

Dopo aver ipotizzato una prima riapertura il 2 giugno scorso, la data è stata spostata di un mese, inserendo un numero maggiore di strutture museali. Non è stato un gioco da ragazzi calibrare l'organizzazione sulle nuove direttive e soprattutto adeguarle a residenze molto antiche che hanno richiesto valutazioni e azioni speciali. L'adozione delle misure di distanziamento sociale, la sanificazione e la regolare igienizzazione, l'utilizzo delle mascherine, l'adattamento dei percorsi di visita, le prenotazioni, gli ingressi contingentati e l'utilizzo dei termoscanner per la misurazione della temperature dei visitatori: tutte le novità da adottare per la sicurezza e la salvaguardia dei visitatori. Senza contare la consueta e imprescindibile sorveglianza dei beni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 "L'esigenza di garantire la sicurezza dei visitatori - spiega Enrica Pagella, da poco direttrice dei Musei statali - ha portato a definire nuove modalità di visita e nuovi orari di apertura. In questo periodo di transizione, in attesa del ritorno della normalità, viene privilegiata la seconda parte della settimana e in particolare il weekend anche perché molti nostri siti offrono l'occasione per una bella gita fuori porta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Fantomatico volantino di un (sedicente) papà: "Avete molestato mia figlia, vi sto cercando"

  • Tragedia nell'abitazione: donna trovata morta

  • Vanno a fare la spesa e lasciano il figlio chiuso in auto con 40 gradi: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento