Palazzo Reale, concluso il restauro del caminetto monumentale: i lavori in diretta streaming

Migliaia di visualizzazioni da tutta Europa

Si è concluso il restauro del caminetto monumentale seicentesco del Salone della Guardia Svizzera a Palazzo Reale, restituito ai Musei Reali con il plauso della direttrice Enrica Pagella. I lavori sono durati 3 mesi, per un totale di 774 ore, coinvolgendo 10 professionisti che hanno applicato oltre 200 stuccature, il restauro - patrocinato dal Gruppo Palazzetti, è stato fatto dalla Nicola Restauri, una delle più quotate e longeve società di restauro in Italia, attiva dal 1947.

Dopo l’analisi preparatoria e di preconsolidamento cautelativo, si è passati alla pulitura, al lavaggio, all'incollaggio dei frammenti e stuccatura, consolidamento e applicazione di un protettivo finale. Tutte le fasi del restauro sono state documentate e visionabili tramite le telecamere di skylinewebcams, partner di Fondaco, che hanno seguito in diretta l’avanzamento dei lavori.

Fondaco è la piattaforma con oltre 80.0000.000 di contatti al mese e webcams distribuite in 60 paesi. La diretta che ha trasmesso i lavori di restauro del caminetto ha avuto 50068 visualizzazioni ed entrando nel dettaglio dei mesi di novembre, dicembre e gennaio la percentuale degli italiani è stata del 62,43% con una media di 9877 visualizzazioni, quella del Regno Unito 17,1% con una media di 2446, la Germania il 9% con 1294 e la Francia il 3,2% con 462.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Il primario della rianimazione di Rivoli è positivo al covid: aveva invitato i negazionisti "a farsi un tour in reparto"

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

Torna su
TorinoToday è in caricamento