menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ezio Bosso, il pianista torinese che ha commosso l'Italia

Ieri sera sul palcoscenico dell'Ariston del Festival di Sanremo, l'artista ha incantato il pubblico che l'ha salutato con una standing ovation

Ha incantato ieri sera, sul palcoscenico dell'Ariston, l'esibizione di Ezio Bosso, il pianista torinese affetto da una malattia neurologica degenerativa. Musicista, compositore e direttore d'orchestra, Bosso ha suonato in tutto il mondo, dalla Carnegie Hall di New York alla Royal Festival Hall di Londra ma fino a ieri era poco conosciuto in Italia, dove è nato nel 1971. Ieri, è stato invitato da Carlo Conti a esibirsi in occasione del Festival di Sanremo e il pubblico, al termine della sua performance, l'ha salutato e celebrato con una standing ovation.

Nonostante la malattia che l'ha colpito nel 2011, Bosso ha continuato a suonare e a girare il mondo: "La musica come la vita, si può fare solo insieme - ha affermato -.  La musica è una grande fortuna e come diceva il maestro Carlo Abbado, è soprattutto una terapia". Una lezione di vita in diretta per tutta l'Italia, suggellata da un grande talento. Sul palco ha eseguito al pianoforte "Following a bird" che fa parte del suo disco da solista "The 12th room", il primo in 15 anni di colonne sonore e composizioni.

Ma chi è Ezio Bosso?  L'artista nasce proprio a Torino 45 anni fa e si avvicina la musica da bambino, grazie al fratello musicista e a una zia pianista. Studia composizione e direzione d'orchestra all'Accademia di Vienna ma la sua carriera ha anche un lato pop: nel 1985 diventa il bassista degli Statuto, la nota band torinese ed è solo nel 1988 che l'abbandonerà per dedicarsi al suo unico amore, la musica classica.

E da qui inizia a calcare le grandi scene internazionali, tiene corsi in Giappone e in Francia, vince importanti riconoscimenti quali il Green Room e il Syracuse NY Award ed esercita il suo talento nei più disparati e complessi ambiti musicali: dalle composizioni per le grandi orchestre sinfoniche alle colonne sonore per cinema e teatro, fino alla danza.

La pettinatura di Bosso non piace, ecco come ha risposto alle critiche
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento