Vasco Rossi, la lettera dei fan: "Cambia la scaletta per il concerto di Torino"

Richiesti pezzi che non suona da tempo

Tutto è pronto allo Stadio Olimpico per il doppio concerto di Vasco Rossi. Ma è "giallo" sulla scaletta. Già perché a pochi giorni dalla data zero, che ha visto partire la tournée del rocker di Zocca da Lignano Sabbiadoro, la scaletta potrebbe subire un cambiamento. Non vi è infatti alcuna certezza che le canzoni presentate a Lignano saranno le stesse anche a Torino. Nelle ultime ore infatti, a tenere banco, soprattutto su internet, c'è una polemica nata, senza alcuna intenzione - "non pensavamo di sollevare un tale putiferio" - da una lettera inviata su Youtube a Vasco, da un gruppo di fan che semplicemente gli chiedono di rinnovare la lista di canzoni.

Una richiesta garbata

Inserire cioè "una decina di canzoni che non suona da una vita" e suggerendo l'idea che brani come "Ti taglio la gola", "Una nuova canzone per lei", "Se è vero o no", "Io no", "Dimmelo te", "Brava", "Cosa ti fai", "Anymore", "Domani sì adesso no", meritano una nuova giovinezza. Una richiesta garbata ed educata che però non è stata ben interpretata dal Blasco Fan a Club che accusa i fan di volersi  ergere a "consulenti", sottolineando il fatto che in realtà la lettera in questione è stata scritta da 92 persone e non rappresenta di certo l'opinione generale. "Vasco ai suoi concerti, guarda in faccia migliaia di persone, è lui che decide il messaggio che vuole dare". E sulla pagina del fan club ufficiale di Facebook si leggono lunghi botta e risposta, pieni di frecciatine - "voler fare gli allenatori della nazionale lascia sempre il tempo che trova..." - e piuttosto piccati - "rispettiamo la vostra opinione, è la presunzione che avete che lascia a desiderare". 

Non sarebbe la prima volta

Dunque venerdì 1 e sabato 2 giugno, solo chi sarà presente al concerto potrà ascoltare con le proprie orecchie le canzoni proposte da Vasco e capire se l'artista deciderà di accontentare o meno i 92 fan che gli hanno scritto. Un caso simile si verificò a Genova nel 2008, dopo la data zero a Roma. Bollicine e Senza parole furono cancellate mentre Vita spericolata fu spostata da metà scaletta alla fine. La vera novità fu però il medley acustico: a Genova divenne l’interludio, senza Vasco sul palco, mentre a Roma fu inserito nel finale, con Vasco e la band a interpretare "Ridere di te", "Toffee", "Brava Giulia", "Dormi dormi" e "Va bene, va bene così".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento