Alessio Lega, concerto al FolkClub

  • Dove
    Folk Club
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 11/12/2015 al 11/12/2015
    Dalle 21.30
  • Prezzo
    15 euro
  • Altre Informazioni

Secondo appuntamento venerdì 11 dicembre con il progetto 100 Anni in 100 canzoni, “un’impresa mai tentata prima” che vede insieme Alessio Lega e FolkClub: un’avventura musicale lunga 100 anni, 5 mesi, 5 concerti e 111 canzoni per ripercorrere la storia della canzone italiana da cima a fondo.

L’idea nasce dalla considerazione che la canzone d’autore è un genere musicale e letterario che ha segnato molte generazioni di italiani, estendendosi su 100 anni di storia e assurgendo a vero e proprio romanzo di formazione sentimentale ed esistenziale del nostro tempo. “Poesia per tutte le tasche” (la definizione è del Maestro francese Georges Brassens), la canzone è entrata in stretta relazione con le mode, le tendenze, i gusti, il linguaggio, le ribellioni di tutte le componenti sociali da nord a sud. Nata in forma strutturata nei “café chantant” d’inizio secolo - erede della tradizione poetica partenopea, dell’opera e dell’operetta - la canzone d’autore ha una fioritura immediata e un periodo di letargo nel ventennio fascista (con qualche nobile eccezione). Risorge nei ritmi imitativi e nelle rielaborazioni del dopoguerra, per imporsi negli anni ’60 come una delle massime realtà culturali della lingua italiana. Modugno, De André, De Gregori non sono solo ai vertici della produzione culturale del proprio tempo, ma anche nelle classifiche di vendita dei dischi e sbancano ogni botteghino con spettacoli gremiti di pubblico sempre nuovo.

Dopo la prima tappa in cui si è esplorata la tradizione napoletana, Alessio Lega - alla voce e chitarra - insieme a Guido Baldoni - alla voce, pianoforte, fisarmonica e alla direzione sonora) propongono in questo secondo appuntamento un viaggio fra Torino e Milano, dal Canta-swing al Canta-cronache. Dagli anni in cui swing e jazz, osteggiati dal fascismo, si erano timidamente già affacciati nella musica italiana attraverso Natalino Otto e il Quartetto Cetra a quando, qualche anno dopo la guerra diventano attrezzi poetici di una ribellione alla canzone retriva e melodica. Fred Buscaglione costruisce un irresistibile personaggio che celebra e ironizza il mito americano, con un successo enorme interrotto da una tragica fine. Negli stessi anni un gruppo di intellettuali torinesi (fra i quali il grande narratore Italo Calvino) scrive e pubblica col nome collettivo di Cantacronache un pugno di canzoni che fondano la moderna canzone d’autore italiana, poetica e impegnata. L’ambiente discografico e teatrale milanese raccoglie questi stimoli attraverso due straordinari autori: uno figlio di immigrati pugliesi e voce della sua città, Enzo Jannacci, l’altro esule istriano ed eterno straniero: Sergio Endrigo. Jannacci porta un vento di lucida follia, di intelligente “nonsense” dai cabaret notturni alla poesia cantata. Schizofrenico e inimitabile, il medico-pianista amante del jazz collabora anche col futuro premio nobel Dario Fo. Timido e introverso Endrigo unisce straordinarie intuizioni melodiche, suoi alcuni dei più clamorosi successi degli anni ’60, a un amore profondo per la poesia cantata. Col poeta brasiliano Vinicius de Moraes e con Gianni Rodari firma anche canzoni per bambini. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Parte “Sisifo”: la nuova stagione di Casa Fools

    • Gratis
    • dal 12 febbraio al 30 maggio 2021
    • Casa Fools - Teatro Vanchiglia

I più visti

  • Il Castello di Moncalieri riapre al pubblico: prenotazione obbligatoria

    • dal 4 febbraio al 30 aprile 2021
    • Castello di Moncalieri
  • I Musei Reali ripartono: tutte le mostre da non perdere

    • dal 1 febbraio al 30 aprile 2021
    • Musei Reali
  • Apre a Torino la Voice Art Academy: lezioni a partire da ottobre

    • dal 1 ottobre 2020 al 31 luglio 2021
    • Voice Art Academy
  • Caravaggio ai Musei Reali: da Roma arriva il San Giovanni Battista

    • dal 25 febbraio al 30 maggio 2021
    • Galleria Sabauda
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TorinoToday è in caricamento