Debutto al Flowers per gli Africa Unite

Nel 1981, immediatamente dopo la prematura scomparsa di Bob Marley, Bunna e Madaski formano gli Africa Unite, cominciando il percorso che oggi li ha portati a diventare il gruppo più longevo e rappresentativo del reggae made in Italy.

Il debutto discografico avviene nel 1987 con “Mjekrari” a cui fa seguito l’Ep “Llaka” grazie ai quali gli A.U. collettano un buon numero di live in giro per l’Italia. Nel 1991 pubblicano “People Pie” che contribuisce ulteriormente ad aumentare la loro popolarità.  Nello stesso anno vengono chiamati ad aprire il concerto di Gregory Isaac a Negril, in Giamaica.

Gli anni ’90 sono gli anni del fermento culturale e musicale, dell’esplosione creativa nata e cresciuta nelle occupazioni e nei movimenti di controcultura, in questo contesto prende forma il disco, che nel 1993 esce per la Vox Pop, “Babilonia e poesia”, un album cantato quasi interamente in italiano che si confermerà un disco cruciale per il futuro del gruppo.

Nell’immediato si vedono moltiplicare i concerti in Italia ed inoltre la distribuzione in Olanda, Belgio e Francia, fa sì che gli Africa vengano invitati ad una serie di festival in giro per l’Europa. In seguito saranno chiamati al Festival di Babilonia in Iraq e a partecipare a due concerti in Palestina. Il 1997 è l’anno de “Il gioco” attraverso il quale la band esplora e mescola tutte le più moderne tendenze musicali mitteleuropee distaccandosi dallo stereotipo reggae per avvicinarsi al drum’n’bass, al funk, passando per l’ r’n’b.  Undici tracce che, nell’edizione dub, uscita solo in vinile, si pregiano dell’intervento di Mad Professor, in qualità di Dub Master.

Il ritorno alla tradizione è segnato da “Vibra”, pubblicato da Universal nel 2000. Il tour, questa volta, durerà quasi due anni. Nel 2001, in occasione del ventennale della morte di Marley, la band pubblica l’album tributo “20”, nel quale propone una selezione di brani di Robert Nesta Marley rivisitati  in perfetto stile Africa. A vent’anni esatti dal tour del 1993, “Babilonia e poesia”, la band ricostituisce la formazione originale, tecnici compresi, e torna a calcare i palchi della Penisola riproponendo lo stesso repertorio e sound. Ad aprile è uscito “Il punto di partenza”: nuovo album di Africa Unite.

La musica quale strumento di comunicazione per raccontare la storia che gli Africa hanno vissuto sulla propria pelle dalle origini ad oggi, attraverso la propria lente. Una profonda analisi del tempo che stiamo vivendo, scalfito dalle contraddizioni e  attraversato dai cambiamenti, con  il conseguente bisogno di affermare il proprio punto di vista lucido e coerente. Il “punto di partenza” chiude un ciclo di una storia straordinaria, per questo è offerto in free download sul sito della band, libero e accessibile a tutti.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Seeyousound International Music Film Festival, a febbraio online in streaming

    • dal 19 al 25 febbraio 2021
    • online on demand su PLAYSYS.TV
  • Parte “Sisifo”: la nuova stagione di Casa Fools

    • Gratis
    • dal 12 febbraio al 30 maggio 2021
    • Casa Fools - Teatro Vanchiglia
  • "Ice Blue", la Filarmonica di Torino in streaming

    • Gratis
    • 2 marzo 2021
    • in streaming pagina YouTube di Oft

I più visti

  • Torna la XXIII° edizione di Luci d'Artista: tutte le novità di quest'anno

    • Gratis
    • dal 30 ottobre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Torino
  • Il Castello di Moncalieri riapre al pubblico: prenotazione obbligatoria

    • dal 4 febbraio al 30 aprile 2021
    • Castello di Moncalieri
  • Apre a Torino la Voice Art Academy: lezioni a partire da ottobre

    • dal 1 ottobre 2020 al 31 luglio 2021
    • Voice Art Academy
  • I Musei Reali ripartono: tutte le mostre da non perdere

    • dal 1 febbraio al 30 aprile 2021
    • Musei Reali
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TorinoToday è in caricamento