Ginevra Elkann presenta il suo primo lungometraggio a Palazzo Reale: nel cast c'è anche Scamarcio

"Magari" è un balzo negli anni Ottanta, fortemente autobiografico

Domani mercoledì 29 luglio, ci sarà anche Ginevra Elkann, in occasione della proiezione del suo primo lungometraggio, nella Corte d'Onore di Palazzo Reale a Torino. "Magari", il film della nipote di Gianni Agnelli, che vede tra gli attori principali Riccardo Scamarcio, ha avuto la sua prima mondiale al Festival del Cinema di Locarno e ha contato su una presentazione italiana all'interno di "Festa Mobile" al 37° Tff, ma a causa delle restrizioni dalla pandemia non ha potuto, nella primavera scorsa, arrivare nelle sale cinematografiche. 

Nel cast di "Magari", fortemente ispirato all'infanzia della produttrice - che riporta il pubblico negli gli anni Ottanta entrando nei ricordi, nell'infanzia e nel senso di famiglia di una bambina - oltre a Scamarcio, figura anche Alba Rohrwacher. La pellicola è stata distribuita e resa disponibile da Rai Cinema in esclusiva su RaiPlay dal 21 maggio 2020. Così, alll'associazione Distretto Cinema, organizzatrice di Cinema a Palazzo, è venuta l'idea di organizzare una proiezione dedicata, sotto il cielo torinese, cui presenzierà anche la produttrice, sorella degli imprenditori John e Lapo. 

Il film

Negli anni '80, la piccola Alma vive a Parigi con suoi due fratelli di poco più grandi, la madre Charlotte e il patrigno Pavel di fede ortodossa alla quale ha convertito la compagna e i suoi figli di estrazione cattolica. Charlotte, in attesa di un nuovo figlio da Pavel, ha una gravidanza difficile e, dopo essersi accordata con l'ex marito Carlo che vive a Roma, manda da lui i ragazzi affinché li porti in montagna a trascorrere le vacanze di Natale e capodanno.

Carlo, sceneggiatore cinematografico in crisi, avendo problemi economici e dovendo riscrivere un lavoro rifiutatogli, porta i ragazzi al mare di Sabaudia insieme a Benedetta, la sua nuova compagna che presenta come collaboratrice.La convivenza farà nascere contrasti tra il padre e i figli, ma alla fine la famiglia sognata da Alma si ritroverà «più o meno» insieme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Torino, "Ti amo" urlato ai quattro venti: tutta la piazza e la città ora lo sanno

  • Riscaldamento: le date per l'accensione dei termosifoni

  • Tragico schianto in autostrada sulla Torino-Savona: due operai torinesi morti

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento