Celebrate Yourself al Mau, le interviste con i protagonisti

Chiusura della mostra fotografica di Alice Arduino Celebrate Yourself a cura di Edoardo Di Mauro e Daniele D'Antonio. "Celebrate Yourself" è un progetto sul Coming Out che ha l'obbiettivo di raccontare la storia delle persone lgbt partendo dal loro vissuto, gli hobby, le passioni, il lavoro e la vita quotidiana di coppie e single, andando oltre le etichette gay, lesbica, bisessuale e transessuale. Al Finissage interverranno alcuni protagonisti ritratti dall'artista e in mostra al Mau - Museo di Arte Urbana che racconteranno al pubblico presente la loro storia. L'incontro vuole creare un dialogo con gli intervistati abbattendo i muri del pregiudizio, attraverso il vissuto degli intervistati. Ingresso libero. 
Dalle 17.30 alle 21.30, saranno presenti in sala:

- Michele Potè: Avvocatura per i Diritti LGBTI - Rete Lenford.
Il cambiamento anagrafico e le Unioni Civili in Italia. L'avvocato illustrerà i pro e i contro della legge italiana e la necessità di un matrimonio egualitario.

- Lillo: Ex monaco in fuga dalla gaya Chiesa Cattolica.
Dopo aver avuto una relazione con un altro uomo all'interno del monastero, lascia la vita monastica per vivere la sua sessualità liberamente. Lillo racconta la sua storia partendo dalla clausura fino alla scelta di lasciare i voti. In continua ricerca della fede, sottolinea le discriminazioni che la Chiesa attua ogni giorno verso le persone lgbt.

- Gabriel Antoine de Guillaume: Poliziotto e Presidente dell'Associazione Polis Aperta.
Gabriele racconterà la sua lotta all'omofobia all'interno delle forze armate e le difficoltà affrontate per il rispetto delle persone lgbt all'interno della caserma. Attualmente vive con il marito ed è stato il primo poliziotto a sposarsi in uniforme in Italia.

- Andrea Giuliano: Attivista e militante perseguitato dai nazisti ungheresi.
Nel 2014 partecipa al Pride in Ungheria vestito da prete. La provocazione non piace alle fila estremiste di destra che iniziano a dargli la caccia, mettendo una taglia sulla sua testa. Andrea nonostante le denunce di morte ricevute è costretto a cambiare casa, lasciare il lavoro e trasferirsi in Italia. L'attivista racconterà le difficoltà affrontate, le denunce alle autorità, le persecuzione, il documentario The Right To Provoke, la violenza subita e l'attesa di un processo all'Onu che evidenzi il suo ruolo di vittima per crimini d'odio contro le persecuzioni ricevute da parte dello Stato di Ungheria.

- Monica Arcobaleno e Edward A. Setzu. La storia di una donna e un ragazzo transgender.
Monica, dipendente della Lavazza, Edward, Attore. Entrambi narreranno la loro storia, le relazioni familiari, con amici e sul lavoro includendo come il percorso di transizione ha influenzato la loro vita e il cambiamento su molteplici aspetti.

 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Al Mufant arriva Sailor Moon: la mostra dedicata alla guerriera giapponese

    • dal 19 settembre 2020 al 10 gennaio 2021
    • MuFant - MuseoLab del Fantastico e della Fantascienza
  • Andy Warhol è ... super Pop! Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi

    • dal 24 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzina di Caccia di Stupinigi
  • "Cinemaddosso. I costumi di Annamode da Cinecittà ad Hollywood" alla Mole

    • dal 14 febbraio 2020 al 18 gennaio 2021
    • Museo del Cinema

I più visti

  • Visite animate e gratuite a Palazzo Cisterna: il calendario del 2020

    • Gratis
    • dal 18 gennaio al 19 dicembre 2020
    • Palazzo Cisterna
  • Ha riaperto Casa Lajolo: al via anche le visite guidate

    • dal 31 maggio al 31 dicembre 2020
    • Casa lajolo
  • Fase 2, la Palazzina di Caccia di Stupinigi riapre al pubblico

    • dal 26 maggio al 31 dicembre 2020
    • Palazzina di Caccia di Stupinigi
  • Torna la XXIII° edizione di Luci d'Artista: tutte le novità di quest'anno

    • Gratis
    • dal 30 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Torino
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento