menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bike Pride, al via la parata di biciclette per la città

Con l'occasione, l'associazione ha già scritto una lettera a Chiara Appendino per aprire un dialogo con la nuova amministrazione

Domenica 3 luglio si svolgerà, in città, la settima edizione di Bike Pride, la festosa parata di biciclette organizzata dall'Associazione Bike Pride Fiab Torino. E lo slogan quest'anno è volutamente più "aggressivo" rispetto al solito: "Prendiamoci la città", per rivendicare il diritto di tutti di pedalare in sicurezza. Un'occasione anche, per l'associazione, di aprire un nuovo dialogo con la Giunta Appendino, prossima all'insediamento.  

" In questi anni siamo riusciti a portare 80 mila persone alla parata - ha detto Maria Cristina Caimotto di Bike Pride - . e proprio per questo chiediamo all'amministrazione di avere più voce: in questi anni abbiamo dialogato, partecipato ai vari tavoli in comune ma i risultati non sono stati ciò che auspicavamo: spesso siamo stati convocati quando i progetti erano ormai definiti"

Nel dettaglio l'Associazione Bike Pride ribadisce la necessità di avere in città delle piste ciclabili all'altezza, che non siano usufruibili solo adesso ma anche fra vent'anni, quindi che possano supportare flussi più sostenuti di ciclisti. 

"Sperando che la nuova amministrazione sia più attenta alle nostre necessità, abbiamo già scritto una lettera alla nuova sindaca per chiedere l'istituzione di una consulta ufficiale - ha aggiunto Maria Cristina Caimotto -, un modello che esiste già a Bologna e in altre città italiane". Una vera e propria assemblea, convocata ufficialmente, in periodi regolari, dalla Città, ove i pareri espressi rimangano agli atti.

E c'è da scommettere che la neo sindaca non farà orecchie da mercante alle richieste di Bike Pride essendo lei stessa molto sensibile ai temi dell'ambiente e della mobilità sostenibile, argomenti che peraltro fanno parte del suo programma. 

La parata in bicicletta, finanziata da sponsor e dal contributo di privati cittadini, è aperta a tutti coloro lo desidereranno e partirà dall'Arco al Parco del Valentino alle 16. Il percorso ad anello sarà di circa 11 km e si svilupperà lungo corso Cairoli, corso San Maurizio, corso Regio Parco, corso Palermo, corso Novara, corso Vigevano, piazza Baldissera, corso Principe Oddone, piazza Statuto, corso Inghilterra per poi tornare al parco lungo corso Vittorio Emanuele II

Al mattino e alla sera non mancheranno gli eventi collaterali: dai momenti di formazione con gli esperti di biciclette alla festa notturna a base di musica all'Imbarchino e al Cap 10100. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento