Eventi

Da Torino a Capo Nord in bicicletta, la sfida di quattro torinesi

Quattro "ciclisti per passione" molto diversi per età, provenienza geografica, storia e professione ma con un sogno comune da realizzare: attraversare l'Europa sul sellino di una bicicletta, percorrendo oltre 4 mila chilometri in un mese

Pedalare per oltre 4.200 chilometri in 30 giorni. Un'impresa impensabile per tanti, un obiettivo dichiarato per Emilio Crosignani, Lucio Tonarini, Mauro Maggiora e Giovanni Gherlone, quattro amici che partendo dalla città di Torino vogliono arrivare in un mese a Capo Nord, in Norvegia. Un viaggio che li porterà ad attraversare nove Stati, con una media di 144 chilometri al giorno percorsi in sella alla loro bicicletta.

Un'avventura già rinominata #daTorinoaCapoNord che loro definisco come un allenamento per il corpo e per la mente, un'esperienza unica, un viaggio assolutamente green alla scoperta di terre meravigliose e di luoghi inaccessibili in altri modi. Proprio per rispettare il "green" non dormiranno in albergo, ma ogni sera monteranno la tenda e si infileranno dentro il sacco a pelo.

Chi sono i quattro amici? Sono Emilio Crosignani, ferro-tranviere torinese di 56 anni, Lucio Tonarini studente diciottenne di Buenos Aires, Mauro Maggiora, maitre trentacinquenne di Torino e Giovanni Gherlone, capotreno 33enne di Asti. Si sono incontrati tempo fa per una serie fortuita di circostanze e, quasi per gioco, hanno deciso di organizzare insieme questo viaggio fuori dal comune. Due sono le passioni che li hanno spinti a tentare questa impresa: l'amore per i viaggi e per la bicicletta.

La partenza è prevista per il 25 maggio, con arrivo a Capenaghen l'8 giungo e a Capo Nord il 25 giugno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Torino a Capo Nord in bicicletta, la sfida di quattro torinesi

TorinoToday è in caricamento