Venerdì, 25 Giugno 2021
Eventi Centro / Piazza San Carlo

Tutto è pronto per il Torino Pride: in prima fila istituzioni e associazioni

Comune, Regione e Città Metropolitana, ma anche Università e Politecnico, non mancheranno alla grande festa di musica e colori in programma sabato in centro

Fervono gli ultimi preparativi per la grande festa cittadina del decennale del Torino Pride. Sabato 9 luglio, il capoluogo piemontese, sarà invaso da una sfilata multicolore ma anche da un grande evento musicale che avrà luogo in piazza San Carlo in serata. E' previsto infatti un concerto condotto da Platinette, al quale parteciperanno tanti artisti noti nel panorama nazionale della musica.

Saranno in molti presenti al Torino Pride che partirà alle 17, da via San Donato, con la parata, per poi dirigersi verso il centro. Non mancheranno i cittadini comuni, ma saranno in prima fila tante associazioni e non per ultimo le istituzioni, tra cui i rappresentanti di Regione Piemonte, Città Metropolitana e Comune di Torino.

La sindaca Chiara Appendino sarà uno degli ospiti più attesi, inoltre, giovedì 7 luglio, presso la Fondazione Merz, batterà personalmente l'asta benefica in occasione del "Looking at Pride", a favore di CasaOz. All'asta gli scatti del fotografo piemontese Matteo Montaldo.  E sempre giovedì, dalle 18, presso il Rights Village di Torino Esposizioni - format di eventi che fa il suo esordio quest'anno in occasione del Pride - sarà ospite d'onore, nel corso di un incontro, la senatrice Monica Cirinnà. In sala ci sarà anche l'assessora alle Pari Opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti.  

Anche il Treno della Memoria aderirà al Torino Pride: "Il 2016 è stato un anno importante per il Treno della Memoria - ha affermato Alessandro Azzolina responsabile del progetto - infatti, per la prima volta, è partito per Auschwitz un treno a tematica LGBT (lesbica, gay, bisessuale e transessuale, ndr) organizzato in collaborazione con il Coordinamento Torino Pride per affrontare il tema dell’omocausto purtroppo noto come “sterminio dimenticato".

Ad aderire all'evento anche l'Università degli Studi di Torino e studenti, ricercatori, dottorandi, docenti e personale del Politecnico. Dopo l'intervento di tantissimi docenti e ricercatori del Poli che richiedevano il patrocinio e la presenza del Rettore al Gay Pride del 9 luglio, sono nate infatti le iniziative Polito@PRIDE e la campagna #ilpolicimettelafaccia. Migliaia di adesioni e centinaia di foto, a questo proposito, hanno già colorato la pagina facebook.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutto è pronto per il Torino Pride: in prima fila istituzioni e associazioni

TorinoToday è in caricamento