rotate-mobile
Eventi

Black History Month, la prima edizione a Torino: tanti eventi per il dialogo e l'inclusività

Nei quattro week-end di febbraio: laboratori, incontri, cene e spettacoli

Il Black History Month arriva per la prima volta a Torino. Dopo Bologna e Firenze questa tradizione, nata alla fine del 900 negli Stati Uniti per mettere al centro, celebrare e onorare le soggettività dei corpi neri, e demolire gli stereotipi negativi, approda sotto la Mole Antonelliana.

Percorsi necessari 

Il titolo dell'evento è "Necessary roads" - percorsi necessari - e racchiude una serie di appuntamenti - tra letture, laboratori, incontri e spettacoli - in programma nei week-end di febbraio, all'insegna dell'inclusività e aperti alla diversità.

Una prima edizione che ospiterà, negli spazi cittadini, una vera e propria rivoluzione umana e culturale per dar voce alla coralità delle esperienze degli afrodiscendenti torinesi. Partendo dalla riscoperta del passato coloniale italiano, ci si addentrerà nelle vulnerabilità dei singoli.

"Il BHM da tempo a Bologna e Firenze e per Torino questa è la prima volta - ha commentato Gianna Pentenero, assessora al Coordinamento politiche per la multiculturalità e l'integrazione - . È un modo per dare il via a una ripartenza importante, è una sorta di  'vaccino di conoscenza'. Questo evento offrirà l'opportunità di approfondire la conoscenza della storia e delle radici culturali dei cittadini afrodiscendenti. Sperando  - ha concluso l'assessora - che questo possa essere l'inizio di un cammino insieme, fino a creare una società multietnica e multireligiosa, in cui le diversità devono unire e non dividere". 

L'obiettivo di questa prima edizione, promossa dall'associazione Donne Africa Subsahariana e il Generazione, ed organizzata dal Direttivo BHM Torino, è quello di intraprendere un viaggio dalle molteplici forme.

Scoprire, ascoltare, immaginare 

Gli eventi del BHM, alcuni dei quali online ma tanti in presenza, saranno strutturati, in questo mese, come un viaggio che ruota attorno a tre parole: scoprire, ascoltare e immaginare. Ogni settimana sarà incentrata su un argomento particolare: si partirà dal 'passato' , col colonialismo, proseguendo poi con 'il corpo', 'la mente' e infine lo sguardo verso 'il futuro'.

Tra i luoghi degli appuntamenti la Casa del Quartiere di San Salvario, la sede del Gruppo Abele dove il 12 febbraio ci sarà anche un mercatino solidale, il Bunker che ospiterà eventi musicali, il Polo Culturale Lombroso è la Biblioteca Italo Calvino. Per scoprire il programma nel dettaglio, visitare il sito ufficiale del BHM

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Black History Month, la prima edizione a Torino: tanti eventi per il dialogo e l'inclusività

TorinoToday è in caricamento