rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Eventi Piazzetta Reale

Estate Reale chiude con Eleonora Abbagnato, il balletto è dedicato a Giacomo Puccini

Balletto-tributo all’illustre compositore

Grande successo per la manifestazione ‘Torino Estate Reale’ che terminerà domenica 15 luglio con lo straordinario balletto di Eleonora Abbagnato. Manon Lescaut, La Bohème, Tosca, Madama Butterfly. Le eroine di Giacomo Puccini, che il più delle volte hanno dovuto affrontare un destino tragico, saranno in scena per ballare sulle note delle arie più belle. Composta da venti ballerini, la coreografia è un tributo all’opera, alla musica classica, ma soprattutto all’illustre compositore.

Come un’eco di questi brani che tutti conoscono, le opere sinfoniche illustrano la padronanza dell’orchestrazione eccezionale di Giacomo Puccini e le molteplici innovazioni armoniche. Lo spettacolo della prima étoile italiana dell’Opéra di Parigi, nonché direttrice del Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma, dal titolo “Puccini”, è dedicato alle eroine tragiche che balleranno sulle note delle aree più belle del compositore.

L’appuntamento in piazzetta reale avrà inizio alle 21.30. Gli allestimenti dell’area spettacoli e la direzione di produzione sono stati curati dalla Fondazione del Teatro Regio di Torino. L’ingresso alla serata sarà soggetto a controlli di sicurezza. Lo spettacolo avrà luogo anche in caso di maltempo: non è previsto il rimborso del biglietto quando la durata sia stata pari o superiore a 45 minuti.

Eleonora Abbagnato 

Danseuse Etoile, Ballet de l’Opéra de Paris e direttrice del Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma, è nata a Palermo e inizia a studiare danza classica all’età di 4 anni con Marisa Benassai.
Continua i suoi studi a Montecarlo, Cannes e, a 14 anni, è la prima italiana ad essere ammessa alla prestigiosa scuola dell’Opéra di Parigi, dove grazie ad una passione travolgente e una volontà ferrea, a soli 22 anni diventa Première Danseuse, interpretando le creazioni dei più grandi maestri della coreografia come Roland Petit, Pina Bausch, William Forsythe, John Neumeier ecc. che la prediligono per la sua versatilità e intelligenza interpretativa. 
La Casa Editrice Rizzoli presenta a novembre 2009 la sua autobiografia “Un angelo sulle punte”, in cui Eleonora racconta il suo straordinario percorso costruito con entusiasmo e tenacia che “l’ha portata proprio dove voleva essere”. Il libro che raggiunge rapidamente il successo. Il 31 dicembre 2009 Eleonora corona un altro sogno: ballare in occasione del concerto di capodanno a Vienna trasmesso in mondovisione con i costumi disegnati appositamente per lei dal Signor Valentino. Dal 2009 al 2011 è consulente artistica del Teatro Petruzzelli di Bari, per il rilancio di questo storico teatro. Il Presidente Sarkozy la nomina, nel maggio del 2010 con un decreto, “Chevalier dans l’ordre national du mérite” per ricompensarla del suo impegno al servizio dell’Opéra e della Francia. 
Il 27 marzo 2013, su proposta di Brigitte Lefèvre Direttrice della Danza, Nicolas Joel Direttore de l’Opéra National de Paris la nomina, Danseuse Etoile de l’Opéra de Paris, in occasione dell’ultima replica della Carmen di Roland Petit, proprio una creazione del grande coreografo che l’aveva scelta a 12 anni per essere Aurora bambina ne “La bella Addormentata nel bosco”. E’ la prima volta che una ballerina italiana viene nominata étoile all’Opéra di Parigi. 
Ad aprile 2015 viene nominata Direttrice del Balletto del Teatro dell’Opera di Roma.
 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estate Reale chiude con Eleonora Abbagnato, il balletto è dedicato a Giacomo Puccini

TorinoToday è in caricamento