Eventi Centro

Torino torna Capitale 150 anni dopo: il programma dei festeggiamenti

Il 18 e il 19 marzo il Presidente Napolitano celebrerà a Torino il 150/o anniversario dell'Unità nazionale. Ma prima Notte Tricolore, Mole illuminata e fuochi d'artificio

Centocinquanta anni dopo, Torino torna capitale d'Italia. Capitale per due giorni, il 18 e il 19 marzo quando il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, celebrerà nel capoluogo piemontese il 150/o anniversario dell'Unità nazionale. Le migliaia di tricolori alle finestre, ai balconi, nelle strade e nei negozi della città dimostrano che la Torino del 2011 è attenta e pronta a festeggiare la Torino del 1861 dalla quale partì il percorso che ha costruito il sentimento unitario.

La prima capitale, torna a essere il centro del Paese in una ideale staffetta con Roma, cuore delle celebrazioni del 17 marzo, il giorno del "compleanno" dell'Italia. Tutto partirà infatti la sera di mercoledì 16, con la "Notte tricolore" in cui la musica farà da trait d'union tra tutte le culture e le specificità del Paese. Notte che sarà vissuta anche a Firenze, Roma e Napoli.

A mezzanotte sul palco di Piazza Vittorio ci sarà Davide Van de Sfroos, dopo mezz'ora Roberto Vecchioni, e poi Dj Pisti chiuderà la kermesse alle 3,30. Nel corso della serata sul palco si alterneranno Irene Fornaciari, Syria, Beppe Dettori Tazenda, Buio Pesto e Lou Dalfin.

L'Inno nazionale suonato dalla fanfara della Brigata Alpina Taurinense darà il via alla festa da piazza San Carlo. La Mole Antonelliana risplenderà con un "gioiello" bianco rosso e verde che verrà illuminato sulla cupola. Musei, teatri, gallerie d'arte resteranno aperte fuori orario. Le otto province piemontesi si distribuiranno in altrettante location del centro cittadino, tra degustazioni, spettacoli, intrattenimento e folklore. Roberto Vecchioni sarà il protagonista del grande concerto di piazza Vittorio, insieme a un cast di artisti originari di diverse regioni.

I fuochi d'artificio daranno luce al cielo torinese e alla vicina Gran Madre, prima che la piazza prosegua la notte a ritmo di musica. Una notte che riporterà Torino a cinque anni fa, all'atmosfera delle Olimpiadi 2006 che hanno cambiato il volto alla città e la sua immagine percepita all'esterno. Tutto questo in attesa della "due giorni" in cui Torino tornerà capitale.

Venerdì 18 arriverà il Capo dello Stato che inaugurerà ufficialmente il calendario di eventi di Esperienza Italia. In mattinata, Napolitano parteciperà alla cerimonia ufficiale al Teatro Regio, quindi visiterà Palazzo Madama, dove é stato ricostruito il primo Senato della Repubblica, e Palazzo Carignano per il taglio del nastro del rinnovato Museo del Risorgimento, che riapre al pubblico dopo una lunga ristrutturazione.

Sabato 19, invece, il Capo dello Stato sarà al nuovo Museo Nazionale dell'Automobile, rinnovato e ampliato nei suoi spazi espositivi, poi si trasferirà alla Reggia della Venaria Reale dove visiterà la mostra "La Bella Italia. Arte e identità delle città capitali". Chiusura al Teatro Carignano, per la rappresentazione delle "Operette morali" di Giacomo Leopardi. Per due giorni, ma Torino è di nuovo capitale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino torna Capitale 150 anni dopo: il programma dei festeggiamenti

TorinoToday è in caricamento