“13 grados sur”, film documentario: la proiezione dal vivo nello spazio esterno del Teatro Dravelli

Arriva al “Piccolo Cinema Online Edition” il documentario torinese “13 grados sur”, firmato dal giornalista Francesco Garello e dal videomaker Manuel Peluso in Perù.  Il link del film verrà condiviso sulla pagina di "Il Piccolo Cinema di Torino" dalle 10 di martedì 16 giugno. Alle 21,30 dello stesso giorno, invece, sempre sulla stessa pagina FB, è prevista la diretta con i registi Francesco Garello, Manuel Peluso e la produttrice Anna Catella (Movimento Sviluppo e Pace ). I tre sono stati in Perù dove hanno documentato, filmando anche in zone proibite, la vita in alcuni paesi delle Ande.

In questi territori devastati dagli scavi delle compagnie minerarie multinazionali, il cambiamento climatico ha conseguenze dirette ed evidenti sulle comunità ancestrali. A rischio sono la sicurezza alimentare e lo stile di vita di queste popolazioni. L’impatto sociale e ambientale è devastante: intere comunità rurali rischiano di scomparire, schiacciate dalle grandi industrie minerarie e dal cambiamento del clima. Paradossalmente, è proprio la ricca tradizione di queste comunità che ci offre un'alternativa allo sviluppo dello sfruttamento.

Inoltre, dopo queste proiezioni online, dettate dall’emergenza sanitaria, è stata calendarizzata la prima proiezione "dal vivo" che si terrà in forma limitata (pubblico massimo 35 persone) nello spazio esterno del Teatro Dravelli, meteo permettendo, venerdì 26 giugno alle ore 21,15 (con ingresso riservato ai soci Arci). Il documentario torinese “13 grados sur” è prodotto da Movimento Sviluppo e Pace ed è l’esito del progetto “Faraway so close. Examples of (re) action on climate change” (“Così lontano, così vicino. Esempi di (re) azione al cambiamento climatico”), vincitore del secondo bando Frame, Voice, Report!.

Sinossi

Emisfero Sud, latitudine 13 gradi. Qui, sulle Ande peruviane a pochi chilometri da Cusco, antica capitale dell’impero Inca, l’aggravarsi delle condizioni ambientali fa da sfondo agli interrogativi di Alberto e Mauro, due indigeni Q’eros che si domandano perché la terra non dia più i frutti di una volta. Forse è colpa loro? Forse non si sono presi adeguata cura della Pacha Mama (la Madre Terra)? Poco distante intere montagne vengono sventrate  in cerca di rame da alcune delle più grandi imprese minerarie del mondo. Il clima che cambia e la distruzione del paesaggio lasciano poche alternative alle popolazioni indigene delle Ande. Il film mette in luce il contrasto tra lo sviluppo “affamato di terra”  e quello proprio di una cultura che sa che la terra non va sfruttata, ma accudita. Forse proprio nei semi piantati da un’antica tradizione si può trovare la speranza di domani: saremo in grado di ascoltare?

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

  • "Black Power", la rassegna al Cinema Massimo

    • dal 18 al 30 settembre 2020
    • Cinema Massimo

I più visti

  • Visite animate e gratuite a Palazzo Cisterna: il calendario del 2020

    • Gratis
    • dal 18 gennaio al 19 dicembre 2020
    • Palazzo Cisterna
  • Passeggiata facile in media montagna, sul Sentiero degli Orridi

    • dal 4 maggio al 31 ottobre 2020
  • Escursioni, Sentiero della Decauville per raggiungere il Lago di Malciaussia:

    • dal 4 maggio al 30 settembre 2020
  • A piedi o in bici sul Sentiero Ritrovato: si parte da Chiusa San Michele

    • dal 4 maggio al 30 novembre 2020
    • Borgata Bennale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    TorinoToday è in caricamento