Economia Caselle Torinese

Futuro in bilico per la base Ryanair all'aeroporto di Caselle

Regione, Comune di Torino, Provincia e Sagat si sono incontrati per discutere del futuro della base Ryanair all'aeroporto di Caselle. La volontà di proseguire la strada intrapresa c'è, i fondi meno

E’ stato dedicato allo sviluppo dell’aeroporto di Caselle l’incontro che il presidente della Regione, Roberto Cota, e l’assessore al Turismo, Alberto Cirio, hanno avuto nel palazzo della Giunta con il sindaco e il vicesindaco di Torino, Piero Fassino e Tom Dealessandri, il presidente della Provincia di Torino, Antonio Saitta, ed i vertici di Sagat.

“Abbiamo parlato in particolare di Ryanair - ha dichiarato al termine Cota - La Regione vuole mantenere il suo impegno, ma è chiaro che da solo non è sufficiente: senza un impegno analogo di Comune e Provincia di Torino l’operazione non ha copertura. La discussione è pertanto stata rimandata. In tempi difficili è bene ponderare tutte le decisioni”.


L’assessore Cirio ha ricordato che “il rapporto con Ryanair è nato su iniziativa di Regione e Sagat, con un meccanismo virtuoso di comarketing che ha portato in Piemonte 600mila passeggeri all’anno. Un comarketing su cui abbiamo investito annualmente 1,5 milioni di euro come Regione, accanto ai 2 milioni garantiti da Sagat. La prospettiva della base è interessante ma, al momento, come ha sottolineato il presidente Cota, è sostenuta finanziariamente solo dalla Regione, disposta a mettere sul progetto 1,5 milioni all’anno. Cifra che, però, non è sufficiente. L'incontro era quindi finalizzato a capire se da parte di Comune e Provincia di Torino esiste disponibilità a sostenere insieme il percorso: una volontà che, però, entrambi non manifestano. Da sola la Regione non può chiudere questa partita, quindi nelle prossime settimane valuteremo con Ryanair come proseguire il rapporto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Futuro in bilico per la base Ryanair all'aeroporto di Caselle

TorinoToday è in caricamento