rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Economia Centro / Piazza Castello

Regio, tregua fra i lavoratori e la sovritendenza: la prima ci sarà

Giovedì l'incontro a Roma, fra la sindaca e il ministro

La sovritendenza del Teatro Regio può tirare un sospiro di sollievo. La prima de "Il Trovatore" di Giuseppe Verdi, in programma questa sera, contrariamente a quanto paventato negli ultimi giorni, ci sarà. Una sorta di tregua insomma: i 300 lavoratori dell'ente infatti, hanno deciso che la recita si terrà nonostante la grande preoccupazione per il loro futuro.

La notizia è stata diffusa al termine dell'assemblea che ha avuto luogo ieri, martedì 9 ottobre, per far chiarezza sulla situazione del Regio che, come si è da poco saputo, quest'anno dovrà subire i tagli del ministero e accontentarsi di 2 milioni di euro in meno. I dipendenti hanno scelto di attendere domani, giorno in cui la sindaca Chiara Appendino e il sovritendente William Graziosi si recheranno a Roma per incontrare il ministro Alberto Bonisoli e discutere del problema.

Questa sera in ogni caso, prima della recita, verrà letto un documento delle Rsu e al termine, i lavoratori saliranno sul palco per ribadire le loro preoccupazioni. Nello stesso giorno è in programma anche un incontro con l'Anfols, associazione di categoria, a margine del quale si discuterà del rafforzamento del Fus (Fondo Unico per lo Spettacolo). 

“Stiamo tutti lavorando con lo stesso obiettivo - ha sottolineato Graziosi -: permettere al Teatro Regio di continuare la sua missione culturale e garantire che la sua lunga storia prosegua nel migliore dei modi”. Una situazione così seria non si vedeva dagli anni 90, da quando cioè il teatro era stato commissariato. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regio, tregua fra i lavoratori e la sovritendenza: la prima ci sarà

TorinoToday è in caricamento