Lunedì, 20 Settembre 2021
Economia

A Torino aumentano i lavoratori stranieri, ma i salari sono bassi

Rispetto agli occupati italiani guadagnano meno e sono mediamente più giovani; il 46% sono donne occupate prevalentemente nel settore dei servizi

Sono stati resi pubblici i dati del rapporto realizzato dalla camera di commercio di Torino e da Fieri, Forum Internazionale ed Europeo di Ricerche sull'Immigrazione. Dal rapporto emerge che l'occupazione straniera a Torino è in crescita, circa del 4% (0,3% gli occupati nazionali in provincia di Torino dal 2009 al 2011 per un totale di 5 mila unità in più). Il settore in cui sono maggiormente impiegati è quello delle costruzioni dove gli stranieri sono il 33% del totale.

Nel confronto con i lavoratori italiani si evince che l'87% degli stranieri è subordinato contro il 78% degli italiani e che i primi sono mediamente più giovani dei secondi: a Torino il 73% dei lavoratori stranieri ha meno di 45 anni contro solo il 55% degli italiani.
 
I dati rivelano ancora che è molto diffusa anche l'occupazione femminile fra gli stranieri occupati, tanto è vero che sono il 46% (14% di tutte le occupate); l'84% di loro lavora nei  servizi, in particolare nell'ambito domestico o in quello della ristorazione anche se poche svolgono mansioni ad alta specializzazione. La vera differenza fra lavoratori italiani e stranieri è nei salari: nella provincia torinese le donne guadagnano 775 euro al mese di media, gli uomini circa 1.176. Rispetto agli italiani guadagnano circa il 26% in meno (336 euro al mese).  
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Torino aumentano i lavoratori stranieri, ma i salari sono bassi

TorinoToday è in caricamento