rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Economia Mirafiori Nord / Corso Enrico Tazzoli

Stellantis, è l'ora del faccia a faccia: Cirio e Lo Russo incontreranno John Elkann

La CGIL: "Chiedano responsabilità"

Un tavolo di confronto con Stellantis per discutere che ruolo avrà Torino nel futuro del gruppo automobilistico, una sorta di faccia a faccia. È quello che si terrà il prossimo 28 settembre alle ore 18 presso lo stabilimento di Mirafiori. A richiederlo Alberto Cirio, il presidente della Regione Piemonte, in accordo con il sindaco di Torino, Stefano Lo Russo. 

"In questo momento storico di ripartenza e di programmazione con i fondi del Pnrr è fondamentale fare sistema per il futuro industriale di Torino e del Piemonte", spiega Cirio, "Per farlo dobbiamo lavorare insieme ai principali attori produttivi ed economici del nostro territorio. Nei prossimi giorni con il sindaco convocheremo tutte le organizzazioni confederali e di categoria per un confronto propedeutico all’appuntamento con Stellantis".

Il 28 seduti al tavolo insieme a Cirio e Lo Russo ci saranno i vertici dell'azienda automobilistica, sarà presente l'amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, e il presidente John Elkann. 

"L'automotive è il settore produttivo principale per Torino e il Piemonte. Non solo rivolto al passato, ma anche il futuro è caratterizzato da importanti sfide e opportunità in un ambito produttivo in continua evoluzione", ha dichiarato il sindaco di Torino, "Di recente ho visitato lo stabilimento di Mirafiori, un impianto all’avanguardia e ad alta tecnologia, pronto per le produzioni più innovative nel settore auto. Incontrare l’amministratore di Stellantis, Carlos Tavares, e il presidente John Elkann è un passaggio fondamentale per confrontarci sul futuro di Torino all’interno del piano industriale della multinazionale". 

Positivo, ma con riserva il giudizio sull'incontro di GIorgio Airaudo, segretario generale della Cgil Piemonte: "Mi sembra una notizia utile, ma servono i fatti. Torino ha bisogno di risposte, Mirafiori ha bisogno di essere riempita di idee, progetti e lavoro", ha dichiarato, "C'è una capacità di pensare e fare l'auto che non può essere dispersa. Gli enti locali devono giocare il loro ruolo per poter incalzare il governo nazionale e chiedere responsabilità a Stellantis. Il lavoro ha già pagato molto a Torino, non può più pagare nulla". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stellantis, è l'ora del faccia a faccia: Cirio e Lo Russo incontreranno John Elkann

TorinoToday è in caricamento