rotate-mobile
Economia

Più di 21 milioni per riscaldare gli edifici di proprietà comunale

Dal 1996 ad oggi l'introduzione dei programmi di metanizzazione e di teleriscaldamento hanno permesso di risparmiare 9 milioni di euro all'anno. Le cifre e le spiegazioni sono state date dall'ingegner Roscio di Iren

Per riscaldare i 767 edifici di proprietà comunale (edifici sportivi, culturali, abitazioni, uffici, case di riposo), la Città spende 21.867.029 euro. Ma se non fossero stati introdotti, dal 1996 ad oggi, programmi di metanizzazione e di teleriscaldamento, avrebbe speso circa 9 milioni in più. Lo ha dichiarato l’ingegner Gianpaolo Roscio di Iren, intervenuto nel corso della riunione congiunta tra le commissioni Ambiente e Bilancio, presiedute rispettivamente da Marco Grimaldi e Alessandro Altamura.


Nel 1995, gli stabili erano riscaldati quasi completamente a gasolio, combustibile, oggi, quasi interamente sostituito dal metano (48%) e dal teleriscaldamento e, in minima quantità, da energie rinnovabili (complessivamente 50%). Al risparmio economico corrisponde una riduzione dell’inquinamento: sono quasi completamente eliminate le emissioni di ossidi di zolfo (derivanti dalla combustione di gasolio), considerevolmente ridotte le emissioni di ossidi di azoto e di anidride carbonica (solo il 2% derivano dalle emissioni da riscaldamento mentre l’entità maggiore deriva dal traffico). Roscio ha aggiunto che già dall’imminente stagione invernale entrerà in funzione la centrale di cogenerazione delle Vallette che servirà edifici comunali per complessivi 620.936 metri cubi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più di 21 milioni per riscaldare gli edifici di proprietà comunale

TorinoToday è in caricamento