menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Settore dell'auto, il piano di rilancio degli industriali parte da Torino

L'ecotassa nel mirino

Un piano di rilancio per il settore automobilistico italiano. Da Torino, a margine di un summit al quale ha preso parte anche Fiat Chrysler Automobilies, i principali esponenti della filiera nazionale dell'auto chiedono al Governo, una politica industriale che salvaguardi il comparto. Si prevede infatti per il 2019 un andamento tutt'altro che positivo. Il -7,55% di inizio anno è un dato negativo ed è stato stimato che nei prossimi mesi si potrebbe verificare un'altra brusca frenata: difficilmente si arriverà ai 1,9 milioni di veicoli venduti.  

"Questo tavolo avvia una stagione di proposte della filiera dell'auto, di tutte le componenti, di tutte le associazioni - ha dichiarato il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia -. E' una reazione al bonus malus che danneggia 14 modelli italiani, ma è anche un'azione positiva. Abbiamo scelto simbolicamente Torino perché è la città dell'auto".

Boccia, dopo aver messo nel mirino l'ecotassa che il governo ha deciso partirà da marzo e che dovrebbe incentivare l'acquisto di auto ibride ed elettriche, ha annunciato, insieme al numero uno dell'Anfia, Paolo Scudieri e al presidente dell'Unione industriale di Torino, Dario Gallina, un piano di rilancio entro due mesi: "Chiederemo l'apertura di un confronto serrato - ha detto Boccia -. Il settore è strategico e richiede un'attenzione prioritaria che consenta di governare la transizione".

Un settore da salvaguardare

Quello automobilistico è un settore fondamentale per l'economia italiana. Proprio Scudieri ha ricordato qualche numero: 5.700 imprese, 100,4 miliardi di fatturato, pari al 6% del Pil, quasi 259.000 addetti (il 7,1% del settore manifatturiero), una spesa in ricerca e innovazione di 1,7 miliardi di euro l'anno, 74,4 miliardi di euro di gettito fiscale nel 2017. "Affrontare sfide così complesse in tempi così rapidi e in un contesto reso più incerto dal possibile rallentamento dell'economia - ha osservato - significa per le nostre imprese soccombere o reagire. Il settore deve contare su una politica industriale seria, a supporto dei livelli occupazionali che la riconversione rischia di colpire".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento