Economia

Marchionne: "Alla Bertone investiamo solo se passa lo stesso accordo di Mirafiori"

L'ad parla dopo John Elkann all'assemblea degli azionisti Fiat: "Nel 2014 fatturato di 64 miliardi di euro". All'assemblea c'è anche Michele Coppola, candidato sindaco e azionista Fiat

"Porteremo la quota Chrysler al 35% e la Fiat raggiungerà nel 2014 un fatturato di 64 miliardi di euro, quasi il doppio dell'anno scorso. Oltre 100 miliardi con Chrysler. "La politica dei dividendi per il 2011 resterà invariata e prevede per Fiat industrial una distribuzione nell'ordine del 25% dell'utile netto consolidato, ma con il pagamento minimo di 100 milioni di euro". Sergio Marchionne, parla dopo John Elkann all'assemblea degli azionisti. L'ad del Gruppo Fiat ha affrontato temi diversi nel corso del suo discorso.

"Per il 2011 ci aspettiamo un miglioramento generalizzato dei mercati, ad eccezione di quello delle autovetture in Europa la cui performance è influenzata dai cali previsti in Italia e in Francia". Ma il punto su cui insiste Marchionne è la produttività: "Il grado di utilizzo degli impianti italiani è basso, è evidente il divario con gli stabilimenti di Fiat Goup Automobiles in Europa". Marchionne ha continuato: "Negli ultimi due anni - ha detto l'ad - i siti produttivi italiani hanno lavorato ben al di sotto della loro capacità. L'utilizzo della rete italiana è al 54%, se consideriamo la capacità tecnica al 37% , mentre negli altri impianti in Europa i parametri per misurare la saturazione si sono attestati rispettivamente al 126 e 78%".

Il manager ci ha tenuto a ricordare che "nel corso del 2010 abbiamo compiuto passi importanti per ottenere la più ampia flessibilità degli stabilimenti e garantire loro prospettive sicure" e ha parlato degli accordi raggiunti per gli impianti di Pomigliano e Mirafiori. All'assemblea è presente anche il candidato a sindaco di Torino del centrodestra, Michele Coppola, che è azionista Fiat. In sala sono presenti anche una trentina di studenti universitari delle facoltà di Economia e Giurisprudenza.


Si continua anche a guardare a Est. "Fiat conferma grande impegno per il mercato russo dove intende continuare a espandersi". Marchionne ha ricordato che è stato presentato un piano al ministero dello sviluppo russo per produrre 300.000 vetture all'anno. "Stiamo investigando tutte le opportunità di partnership con aziende locali". Capitolo Ex Bertone: "L'investimento alla Bertone potrà partire solo se i principi guida dell'accordo di Mirafiori verranno recepiti anche per questo stabilimento". La trattativa si annuncia difficile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marchionne: "Alla Bertone investiamo solo se passa lo stesso accordo di Mirafiori"

TorinoToday è in caricamento