Mercoledì, 16 Giugno 2021
Economia Centro / Piazza Palazzo di Città, 1

Scrutatori, a Torino precedenza ai disoccupati

Per tutte le consultazioni 2016. Dichiarazione da presentare entro venerdì 11 marzo

Per tutte le consultazioni elettorali e referendarie che si svolgeranno nel 2016, il Comune di Torino darà priorità ai disoccupati nella nomina degli scrutatori. A deciderlo è stata la Commissione Elettorale Comunale, che ha deliberato di nominare prioritariamente gli iscritti all'albo degli scrutatori di seggio elettorale che sono disoccupati e iscritti nelle liste del Centro per l'Impiego di Torino.

Per richiedere di essere nominati scrutatori, in occasione del Referendum abrogativo sulle "Trivellazioni marine" che si terrà domenica 17 aprile 2016, occorre presentare una dichiarazione di essere già iscritti all'Albo degli Scrutatori e di essere disoccupato e iscritto al Centro per l'Impiego della Provincia di Torino, il tutto entro venerdì 11 marzo.

La dichiarazione, che dovrà essere in formato pdf, potrà essere consegnata direttamente agli uffici del Servizio Elettorale di corso Valdocco 20 oppure inviata, via posta elettronica, all'indirizzo albi.listeelettorali@comune.torino.it, allegando copia di un documento d'identità. Gli allegati, dichiarazione e documento d'identità, non dovranno essere di dimensioni superiori a 5 megabyte. Tutti coloro che invieranno la richiesta per posta elettronica riceveranno una risposta automatica dal sistema. In caso di non ricevimento, l'invio dovrà considerarsi non andato a buon fine.

Gli interessati devono avere i requisiti alla data di presentazione della dichiarazione. Non verranno infatti prese in considerazione le dichiarazioni senza la firma autografa, l'indicazione dell'indirizzo del Centro per l'impiego dove il dichiarante è iscritto o presentate non utilizzando l'apposito modulo. Per ulteriori informazioni consultare la pagina www.comune.torino.it.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scrutatori, a Torino precedenza ai disoccupati

TorinoToday è in caricamento