Resto per solidarietà: progetto M**Bun per aiutare i ragazzi della Guinea Bissau

Fino al 28 febbraio, in tutti i M**Bun si potrà fare una donazione all'Engim Piemonte per finanziare il progetto "Resto per solidarietà", volto a creare opportunità di lavoro ai ragazzi africani

La solidarietà non ha confini. Lo sanno bene quelli di Engim Internazionale Piemonte che, insieme ai ristoranti Slow Fast Food M**Bun presenti sul territorio hanno dato vita ad un'iniziativa davvero di cuore.

Fino al 28 febbraio, infatti, tutti coloro che gusteranno i deliziosi panini offerti dal menù M**Bun, potranno donare il resto che gli spetta alla fondazione Engim Internazionale per sostenere lo sviluppo professionale dei ragazzi della Guinea Bissau, tutti quei ragazzi che, come sogno, hanno quello di diventare famosi chef. Sì, perchè il progetto #restopersolidarietà creerà nuove opportunità di lavoro per tutti quei giovani che intendono occuparsi del settore alberghiero e del turismo sostenibile nel territorio africano.

Donando il proprio resto, anche di pochi euro, si potranno finanziare, oltre al corso di formazione, anche l'acquisto di tutti quei materiali che serviranno ai ragazzi per imparare il loro mestiere, come gli attrezzi da cucina e l'allestimento stesso del laboratorio, che avrà sede proprio in Guinea Bissau. Un'iniziativa importante da sostenere per aiutare la gioventù africana a creare il proprio progetto di vita, il proprio futuro e per valorizzare le bellezze naturali e culturali di un'isola meravigliosa come Bubaque.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel palazzo del centro cittadino: uomo si uccide gettandosi nel vuoto

  • Ventiquattro ore dopo, nuovo dramma in autostrada: morto un 26enne

  • Scende dall'auto dopo un incidente e viene travolto da un'altra vettura: morto

  • Sbanda con l'auto e finisce contro il guardrail: morta una donna

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Sedato sull'ambulanza, si soffoca col vomito e poi muore in ospedale: inchiesta aperta

Torna su
TorinoToday è in caricamento