Presidio dei lavoratori di Italiaonline, arriva anche una delegazione dei dipendenti Embraco

In corso Mortara

Continua il presidio dei lavoratori di Italiaonline davanti alla sede torinese di corso Mortara. Da questa mattina, giovedì 8 marzo, un centinaio di dipendenti si è dato appuntamento per far sentire la sua voce ai vertici dell'ex Seat Pagine Gialle che nei giorni scorsi hanno annunciato le loro intenzioni. Un piano che conferma i timori del consiglio comunale torinese e che rischia di vedere sul territorio un caso simile a quello dell'Embraco.

L'azienda chiude la sede a Torino e ha deciso di licenziare 248 persone e di trasferirne 241 a Assago: su territorio nazionale sono oltre 400 i licenziamenti. A portare il loro supporto in mattinata, i lavoratori di Italiaonline, anche una delegazione dei lavoratori dell'Embraco. Il 15 marzo è in programma il Cda dell'azienda a Milano e i lavoratori si stanno organizzando con i pullman per far sentire la loro voce anche in quell'occasione. Il giorno successivo ci sarà l'incontro dei vertici di Italiaonline col Mise dove si inizierà a trattare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

Torna su
TorinoToday è in caricamento