Giovedì, 16 Settembre 2021
Economia

Alcune precisazioni sulle borse di studio da parte del MUP

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

In merito alle dichiarazione rese da Vincenzo Aquilina il Movimento Universitario Padano tiene a precisare alcuni aspetti.

Come annunciato dal Presidente della Regione Piemonte Roberto Cota durante la conferenza stampa di fine anno, il problema dei tagli alle borse di studio rientrerà dato che l'Assessorato al Bilancio stanzierà altri 2 milioni di euro raggiungendo così la cifra totale di 10 milioni. Il risultato ottenuto è dovuto al lavoro svolto in questi mesi dall' Assessore regionale Riccardo Molinari insieme con l'Assessore Gilberto Pichetto Fratin, che nonostante i tagli del Governo di Roma, sono riusciti a garantire la stessa cifra degli anni precedenti.

Per l'Assessorato e per il MUP il diritto allo studio è una priorità così come lo è il criterio del merito. Proprio da questo principio è nata la riforma universitaria attuata dalla Regione Piemonte con il nuovo criterio di assegnazione delle borse di studio, e nella stessa direzione andava la riforma Gelmini varata dall'allora PDL ed entrata in vigore nel 2011.

Essendo l'Assessore Molinari appena trentenne, conosce l'ambiente dell'Università in prima persona e incontra studenti tutti i giorni, quindi se Vincenzo Aquilina, come esponente del Movimento Studentesco di Centro Destra, vuole chiarimenti riguardo la riforma e sull'operato della Giunta Cota in ambito universitario troverà la disponibilità dell'Assessore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alcune precisazioni sulle borse di studio da parte del MUP

TorinoToday è in caricamento