Ex Isvor-Fiat, in corso Dante apre la nuova maxi sede Palazzo Santander

500 i posti di lavoro nello storico palazzo dove nacque la Fiat

Palazzo Santander

Ha inaugurato venerdì 13 aprile Palazzo Santander, il nuovo quartier generale italiano di Santander Consumer Bank che si insedia nell'isolato tra corso Dante e corso Massimo d'Azeglio: la realtà bancaria spagnola, tra le più importanti a livello europeo, va così a stabilirsi nell’edificio dell’ex Isvor di Torino, luogo che agli inizi del Novecento ospitò la prima sede produttiva FIAT.

Un investimento con cui Santander ha voluto ribadire un forte legame con la città, con 500 posti di lavoro impegnati nella nuova struttura, ma anche restituire a Torino un edificio simbolico, la cui identità di palazzo storico di riferimento cittadino viene reinterpretata per l’istituto bancario.

“Apriamo le porte alla nostra nuova ‘casa’, luogo di storia cittadina e nazionale, che da oggi darà ancor più valore al nostro brand, ma soprattutto darà modo alle persone della sede centrale di lavorare più vicini e in modo più smart - afferma Alberto Merchiori, amministratore delegato di Santander Consumer Bank Italia -. Abbiamo scelto questa sede, consapevoli di avere importanti responsabilità nei confronti di questa città, anche a fronte dell’importante indotto derivante dalla nostra presenza. Vogliamo valorizzare la storia del tessuto urbano, del lavoro e delle risorse umane; ambiamo a una sempre maggiore sostenibilità ambientale, ma soprattutto desideriamo entrare ancor più nel tessuto sociale del territorio per il quale stiamo studiando un calendario di iniziative molto capillari. Palazzo Santander è il luogo in cui i nostri obiettivi si incontrano e troveranno il loro sviluppo”.

I 120 anni di storia dell'edificio

La struttura storica, progettata nel 1899, era nata come sede della casa automobilistica torinese; nei primi due decenni del XX secolo venne ampliata e affiancata dalla palazzina uffici in stile liberty; nel dopoguerra, divenne prima Scuola Allievi FIAT, poi ISVOR (Istituto Sviluppo e Organizzazione) e in seguito centro di formazione di Fiat Group. Chiusa ufficialmente nel 2008, l’intera area dal 2010 è stata soggetta ad un piano di riqualificazione che, dopo la decisione del Comune nel 2016 di incassare gli oneri di urbanizzazione, negli ultimi 20 mesi ha dato forma e struttura a Palazzo Santander.

Sostenibilità ambientale e responsabilità sociale

La struttura è stata riprogettata all’insegna della sostenibilità ambientale: per la sua nuova sede, dopo 19 anni di permanenza al Lingotto, il gruppo bancario spagnolo ha infatti voluto una struttura che declinasse anche a Torino la sua responsabilità sociale, basandosi sulle più innovative soluzioni tecnologiche. In particolare, il sistema di riscaldamento e condizionamento è dotato di un complesso impianto geotermico, costituito da un pozzo di prelievo e di restituzione dell’acqua di falda; inoltre l’impianto d’illuminazione prevede lo spegnimento automatico degli ambienti non occupati.

500 posti di lavoro a Palazzo Santander

La nuova sede sarà luogo di lavoro per quasi 500 persone, suddivisi sui tre piani di Palazzo Santander in circa 7000 mq. L’investimento nella ristrutturazione di un edificio simbolo della storia economica italiana conferma la responsabilità sociale del Gruppo che a Torino è caratterizzata da diverse iniziative: quella più nota è la Santander Mezza Maratona, che ogni anno raduna oltre 6000 runner da tutto il mondo.

InaugSantander_442-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nuova struttura

La nuova versione della struttura, realizzata da Torino Zero 5, Negozio Blu Architetti e MCM Ingegneria, è stata concepita come luogo per eccellenza dell’interazione tra le persone, una vera e propria “comunità” che vede convivere spazi differenziati tra loro: desk, postazioni informali per il teamwork alternate a vegetazione d’interni, box vetrati, salette tematiche, sala riunioni, strutture per videoconferenze e luoghi d'incontro, open space, acoustic rooms, sale training e lounge/aree ristoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi-incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, uno ribaltato e due in fiamme

  • Compleanno torinese per i 18 anni del figlio di Fabrizio Corona e Nina Moric: pronta una grande festa

  • Tragico schianto nella notte: auto in un una scarpata, morti cinque ragazzi

  • Super-vincita al concorso a premi in tabaccheria: un fortunato si porta a casa 53mila euro

  • Tifoso interista scommette sull'eliminazione della Juve dalla Champions: vince quasi 10mila euro

  • Viviana e il piccolo Gioele sono ancora scomparsi, ma oggi fatti avvistamenti 'importanti'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento