Un patto tra Comune, avvocati e commercialisti per aiutare gli imprenditori indebitati

Un'istituzione volta a individuare i casi di vulnerabilità economica

La firma in Comune

È operativo da circa due mesi il nuovo Organismo di composizione delle crisi da sovraindebitamento creato dall'Associazione Modello Torino, a cura degli ordini professionali degli avvocati, dei commercialisti e degli esperti contabili di Torino.

L'aspetto umano 

Un'istituzione, in sinergia anche con i notai, che oltre a mettere a disposizione della cittadinanza  figure professionali qualificate, vuole offrire un aiuto anche umano a famiglie, consumatori e piccole imprese a superare seri momenti di difficoltà.

L'indebitamento, a causa della crisi economica e del conseguente e progressivo impoverimento, ha messo a repentaglio, negli ultimi anni, numerose famiglie che si sono trovate in sofferenza per la difficoltà di estinguere un mutuo, onorare le spettanze verso il fisco o nei confronti dei fornitori, o pagare l'affitto di un appartamento.

Quattro poli d'ascolto per i cittadini 

Ed è stato sottoscritto un protocollo a Palazzo Civico dalla sindaca Chiara Appendino, dal presidente dell'ordine degli avvocati Simona Grabbi e dal presidente dell'ordine dei commercialisti, Luca Asvisio. Sono infatti stati attivati quattro poli per l'inclusione sociale che coopereranno nel promuovere l'ascolto dei cittadini e nell'intercettare i casi di vulnerabilità economica derivanti da forti esposizioni debitorie.

"Gli ordini stanno facendo un lavoro straordinario - ha detto Appendino -. Il punto di forza di questo organismo, oltre alla capacità di fare rete, è anche quella di scongiurare il rischio che chi è in difficoltà si rivolga alle persone sbagliate. Ogni individuo che riusciremo ad aiutare sarà un successo per la collettività. La tutela dei soggetti sovraindebitati - ha concluso - si inserisce concretamente negli interventi a contrasto della vulnerabilità e della povertà".

Le procedure

Le procedure per la risoluzione della crisi, che si avviano presso il Tribunale di Torino, sono infatti volte a conseguire la ristrutturazione di debiti e la soddisfazione dei crediti, sulla base di un piano che si concretizza essenzialmente in una rateizzazione del pagamento, anche con un forte stralcio dell'esposizione debitoria complessiva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da quando è operativo, l'organismo di composizione delle crisi da sovraindebitamento ha già ricevuto 200 persone e aperto 10 procedure.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Vince il concorso di bellezza pochi mesi dopo che i genitori chiudono l'azienda a causa del lockdown

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Fantomatico volantino di un (sedicente) papà: "Avete molestato mia figlia, vi sto cercando"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento