menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Lavorare in Poste Italiane: si cercano Portalettere a Torino e in Piemonte

Scadenza iscrizioni: domenica 15 aprile

Poste Italiane ricerca candidati per ricoprire il ruolo di portalettere per l'Area professionale Operations. Sono disponibili posizioni per le province di Torino, Vercelli, Novara, Cuneo, Asti, Alessandria e Verbano-Cusio-Ossola. Si offrono contratti a tempo determinato a decorrere da maggio 2018, in relazione alle specifiche esigenze aziendali sia in termini numerici che di durata.

Saranno coinvolti nel processo di selezione solo i candidati in possesso dei requisiti richiesti. Sarà possibile ricandidarsi nel caso in cui si abbia aderito ad un precedente annuncio senza essere stati contattati. L'avvio dell'iter di selezione viene anticipato da una telefonata delle Risorse Umane Territoriali di Poste italiane alla quale fa seguito una mail all'indirizzo di posta elettronica che verrà indicato in fase di adesione all'annuncio.

L'email conterrà l'indirizzo internet a cui collegarsi per effettuare il test attitudinale online e tutte le spiegazioni necessarie per il suo svolgimento. Coloro che supereranno la prima fase di selezione potranno essere contattati da personale di Poste Italiane per il completamento della seconda fase del processo di selezione che prevede: la verifica in aula del test già svolto a casa, un colloquio e la prova d'idoneità alla guida che sarà effettuata su un motomezzo 125 cc a pieno carico di posta ed il cui superamento è condizione essenziale per l'assunzione.
Candidature entro domenica 15 aprile 2018.

Requisiti

•    Diploma di scuola media superiore con votazione minima 70/100 o diploma di laurea, anche triennale, con votazione minima 102/110
•    patente di guida in corso di validità per la guida del motomezzo aziendale
•    idoneità generica al lavoro che, in caso di assunzione, dovrà essere documentata dal certificato medico rilasciato dalla USL/ASL di appartenenza o dal proprio medico curante (con indicazione sullo stesso certificato del numero di registrazione del medico presso la propria USL/ASL di appartenenza).


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento