Scuole per l’infanzia, il comune di Torino cerca 40 assistenti educativi

Dove e come fare domanda

Immagine di repertorio

La Città di Torino cerca assistenti educativi da impiegare nelle scuole dell'infanzia e nei nidi d'infanzia comunali. Ad oggi ne sono stati reclutati 83 attraverso l’agenzia Tempor, ma ne servono ancora 40 per soddisfare il fabbisogno di personale nelle scuole per l’infanzia.

L’assessora all’Istruzione, Antonietta Di Martino, sottolinea l’importanza di questa figura professionale per il funzionamento delle scuole dell'infanzia e dei nidi, soprattutto nell’attuale contesto di emergenza sanitaria: “Gli assistenti educativi svolgono oggi, tra i loro compiti, una serie di attività previste per dare attuazione alle disposizioni regionali e nazionali finalizzate a contenere la diffusione del contagio da Covid 19. Si tratta di lavori che sono fondamentali per la frequentazione in sicurezza di spazi e locali scolastici da parte di bambini, educatori e di tutto il personale. Un impegno molto importante per garantire qualità e, in questo momento in modo particolare, sicurezza nei servizi comunali per l’infanzia”. 

Le persone interessate all’offerta di lavoro temporaneo per il profilo professionale di “assistente educativo” possono consultare per informazioni il sito web della Città di Torino e rivolgersi poi direttamente all’Agenzia di lavoro Tempor (via Susa 40 a Torino, tel. 011.5069446, e-mail temportorino@tempor.it).
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

  • Zona Arancione: estesa apertura negozi, maggiori controlli, dentro e fuori, nei centri commerciali

Torna su
TorinoToday è in caricamento