Moda, da Carmagnola al Pitti: Vuarnet sceglie l'Italia per realizzare le sue collezioni

La Offer vanta collaborazioni con diversi marchi internazionali

Carmagnola diventa un piccolo polo della moda. Protagonista alle sfilate del Pitti a Firenze, la Offer Srl, un’azienda che dagli anni 80 si occupa di realizzare e sviluppare le collezioni dei diversi marchi: dalla scheda tecnica fino ad arrivare la merce nelle logistiche dei clienti. La Offer, gestita dai due fratelli Marco e Diego Formato - di 47 e 48 anni - che hanno ereditato la storica azienda di famiglia, vanta collaborazioni con diversi marchi internazionali come: come Vuarnet, Museum, EA7, Areonautica Militare oltre che Juventus, Inter, Milan e Roma.

E per la prima volta verrà lanciata la nuova linea Apparel e il piumino Pitti Limited Edition - capospalla in color block sul bianco, rosso e blu che celebra le origini francesi del marchio pioniere del lifestyle alpino - che celebreranno il debutto assoluto di Vuarnet al Pitti Immagine.

Dagli storici pantaloncini Nike a oggi

La Offer inizialmente si occupava di produrre accessori sportivi e il lavoro nel settore dello sportswear ha permesso ai due fratelli di inserirsi in una realtà internazionale complessa e competitiva, mantenendo l'attività e le radici nella cittadina in provincia di Torino. "Ricordo ancora il primo prodotto che abbiamo mandato in produzione - ha raccontato Marco direttore commerciale abbigliamento - erano gli storici pantaloncini della Nike da tennista, li facevamo fare in Sicilia negli anni ’80. Dopo quella produzione ne sono arrivate tante altre: in passato collaboravamo con Nike, Champions, Sergio Tacchini e Reebok. Con gli anni le produzioni sono cambiate e noi ci siamo dovuti adeguare".

Un fiore all'occhiello

Anche gli stilisti che lavorano con la Offer sono tutti Italiani e arrivano da esperienze lavorative nel campo della moda in aziende importanti. Ed è proprio Vuarnet il fiore all’occhiello dell'azienda, lo storico marchio francese nato nel 1957 grazie alla sinergia dello sciatore Jean Vuarnet e il famoso ottico Roger Pouilloux che insieme lanciarono il marchio: "Per noi cercare di produrre in Italia è fondamentale, d’altronde la parola made in Italy è una delle più cercate sul web - ha proseguito Marco - proprio come i pullover di Vuarnet: tutti fatti in maglifici italiani".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento