Economia

Raccomandate troppo care, a Torino le multe arriveranno via email

Il Comune di Torino sta studiando un nuovo metodo per la notifica delle multe. Ad oggi per fare ciò spende sei milioni di euro all'anno, ma grazie alla posta certificata si potrebbero risparmiare due milioni

La notifica di una multa costa al Comune di Torino circa sei euro. Costo che, moltiplicato per il numero di sanzioni, supera abbondantemente i cinque milioni di euro all'anno. Per questo motivo a Palazzo civico si stanno studiando alternative che permetterebbero una riduzione di questa spesa. In aiuto agli assessori comunali Gianguido Passoni (Bilancio), Giuliana Tedesco (Polizia municipale) e Stefano Gallo (Sistemi informativi) c'è la tecnologia e più precisamente la Pec, la Posta Elettronica Certificata.

In un futuro non troppo prossimo la multa, a Torino, potrebbe quindi essere notificata via mail a tutti coloro i quali posseggono una casella di posta certificata. Si tratta di aziende, di professionisti e di tutti i cittadini che ne hanno fatto richiesta. La Pec infatti è nata proprio per sostituire le raccomandate con ricevuta di ritorno. Ma se qualcuno non dovesse aprire la propria posta? Il Comune, stando a quanto dichiarato al quotidiano La Stampa dall'assessore Passoni, avrebbe già la soluzione. Oltre alla notifica via email, arriverà a casa anche un avviso che informerà il cittadino dell'arrivo del verbale telematico.


Quanto si risparmierà con questo nuovo metodo di notifica? La riduzione della spesa potrebbe arrivare anche a due milioni di euro all'anno. L'avviso mandato ai cittadini avrà un costo inferiore ai 60 centesimi, contro i sei euro attuali della raccomandata. Il primo passo è stato compiuto, ora a Palazzo civico dovranno raccogliere i dati delle persone che posseggono una Pec e poi si potrà ufficialmente partire.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccomandate troppo care, a Torino le multe arriveranno via email

TorinoToday è in caricamento