Economia Piazza Francesco Borromini

Appello da piazza Borromini, "Il mercato ha bisogno di nuove risorse"

Gli ambulanti hanno spedito una lettera alla circoscrizione Sette e all'amministrazione comunale chiedendo una serie di interventi. Tra i più importanti l'assegnazione di posti fissi per gli extra alimentari e un parcheggio

Non se la passano molto bene i mercati della città di Torino stritolati dalla concorrenza dei grandi supermercati e dalla crisi. Poche bancarelle e moria di clienti. Sono queste le problematiche più frequenti segnalate proprio dagli stessi ambulanti. Un esempio per tutti è il mercato di piazza Borromini, presente da anni nel quartiere Madonna del Pilone tra corso Casale e corso Gabetti. Di recente gli ambulanti hanno segnalato un elenco di criticità al Comune di Torino e alla circoscrizione Sette.

Gli ambulanti reclamano l’assegnazione di posti fissi per i banchi extra alimentari oltre ad un pomeriggio di apertura durante l’arco della settimana. Facile individuare il motivo, ossia l’aumento degli incassi. A far indispettire gli ambulanti c’è anche la mancanza di parcheggi che in questi anni ha fortemente penalizzato la piazza. I cittadini che si recano al mercato, infatti, fanno fatica a trovare un parcheggio dove lasciare l’auto. In corso Gabetti la sosta è vietata causa taxi e causa passaggio dei mezzi del Gtt. Ma non va meglio nei dintorni di piazza Gozzano dove manca un vero e proprio parcheggio che permetta alla gente di non girare ore e ore a vuoto. E tra le altre richieste spicca anche la sostituzione del bagno chimico di piazza Borromini. Da settimane, infatti, la puzza degli scarichi sta indispettendo tutto il mercato. Colpa – sostengono in molti – di alcuni negozianti furbetti che scaricherebbero senza la dovuta autorizzazione.


"Vogliamo chiedere l’introduzione di un disco orario della durata di trenta minuti, ovviamente durante le ore di mercato – dichiara il capogruppo della Lega Nord della circoscrizione Sette Daniele Moiso -. In aggiunta non sarebbe male anche una forma di pubblicità, come già accaduto in passato per altri mercati coperti di Torino, su tutta piazza Crispi e corso Taranto". Un problema sentito anche dalla circoscrizione. "Quello di piazza Borromini non è certo l’unico caso di mercato in crisi – spiega il coordinatore al Commercio Ernesto Ausilio -. Tuttavia ci stiamo impegnando con l’assessorato competente per provare a venire incontro alle richieste degli ambulanti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appello da piazza Borromini, "Il mercato ha bisogno di nuove risorse"

TorinoToday è in caricamento