menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un altro stop alla Maserati: nuova settimana di solidarietà

Mobilità alla Comau e cassa all’Automotive Lighting

Sarà di nuovo ferma, dall’8 al 12 ottobre, l'attività produttiva dello stabilimento Maserati di Grugliasco. A renderlo noto la Fismic. "Solo 400 lavoratori su 2.700, - Federico Bellono, Segretario provinciale della Fiom-Cgil ed Edi Lazzi, responsabile per la Fiom-Cgil di Comau, Marelli e Maserati - si recheranno in stabilimento per effettuare una settimana di formazione e raggiungere in questo modo il 30% della retribuzione che la legge prevede. È per questo quanto mai necessario lanciare nuovi modelli da destinare agli stabilimenti italiani e in particolar modo a quelli torinesi.

Inizia però ad essere incomprensibile il silenzio della maggior parte della classe dirigente della nostra città: dagli altri sindacati, alle associazioni delle imprese, per arrivare alle Istituzioni e alle forze politiche. C'è una miopia - hanno concluso - che inizia a essere preoccupante, l'economia cittadina è in declino e bisogna intervenire immediatamente facendo ciascuno la propria parte". 

Intanto Comau, azienda di di componentistica del gruppo Fca, ha aperto una procedura di mobilità per 72 lavoratori dello stabilimento di Grugliasco. Interesserà, solo su base volontaria e con incentivo, lavoratori che raggiungeranno la pensione entro due anni. E non buone notizie arrivano dall'Automotive Ligthing di Venaria, azienda del gruppo Magneti Marelli che produce proiettori per automobili. Secondo Fiom utilizzerà la cassa integrazione dal 29 ottobre al 2 novembre mentre per tutto novembre si lavorerà solo 32 ore settimanali con 8 ore di cassa integrazione. Saranno coinvolti nel provvedimento 850 lavoratori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento