rotate-mobile
Economia Centro / Piazza Castello

Mobilità con accompagnamento alla pensione: 250 persone davanti alla Prefettura

Ieri mattina hanno avuto un incontro con il Prefetto di Torino e con un rappresentante della direzione Inps, ricevendo rassicurazioni sull'arrivo della lettera di deroga e lo sblocco della situazione

Ieri mattina, alla presenza del prefetto di Torino Dott. Alberto Di Pace e di un rappresentante della direzione INPS, si è svolto un incontro  con i  delegati sindacali di CGIL, CISL e UIL per illustrare il drammatico stato di disagio con cui convivono circa 45.000 lavoratori in mobilità. La legge 122 del 2010 ha istituito le cosiddette finestre mobili di 12 mesi per l'accesso alla pensione – esonerati dalle nuove disposizioni solo 10.000 persone in tutt'Italia, tra lavoratori in mobilità lunga (andati in mobilità con la legge 296 che prevede, per un numero di 6.000 lavoratori, di andare in pensione secondo la cosiddetta legge Dini, ovvero 35 anni di contributi e 57 anni di età), corta e lavoratori in esodo.

Chi ha presentato domanda di pensione a luglio 2011, ancora oggi non sa se potrà andare in pensione con le vecchie regole, e nel frattempo i pagamenti della mobilità di settembre sono stati sospesi. Ci sono alcuni lavoratori che non hanno incassato neppure i mesi di luglio ed agosto. "Ci sono lavoratori monoreddito e con figli a carico che stanno vivendo in uno stato di comprensibile difficoltà. Inoltre, poiché la mobilità lunga prevede il pagamento della mobilità fino alla pensione, si sta anche verificando un  abuso inaudito nei confronti di questi lavoratori, disattendendo le norme di legge".


I sindacati hanno chiesto notizie sull'arrivo delle lettere degli aventi diritto alla deroga, e da parte dell'incaricato Inps è stato assicurato che, dopo 3 mesi e mezzo, la situazione dovrebbe essere sbloccata. Infine gli stessi sindacati hanno chiesto che vengano pagate le mobilità e anche qui è stata data risposta positiva. Il prefetto, prendendo atto delle informazioni ricevute, provvederà al più presto a trasmettere queste urgenti richieste alle autorità di governo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità con accompagnamento alla pensione: 250 persone davanti alla Prefettura

TorinoToday è in caricamento