Ex Auchan-Conad, in vista oltre 100 licenziamenti: Appendino incontra i sindacati

La sindaca: "Le famiglie coinvolte devono avere garanzie per il futuro"

Continua ad essere preoccupante la situazione dei lavoratori ex Auchan di corso Romania, passati a Conad Margherita. Solo due giorni fa, sul tema, si è tenuto un incontro in videoconferenza tra la sindaca di Torino, Chiara Appendino, e le organizzazioni sindacali Filcams-Cgil, Uiltucs-Uil e Cub. A circa un anno e mezzo dall'acquisto da parte di Conad della catena Auchan in Italia, operazione effettuata tramite cessione di ramo d'azienda, su 260 dipendenti solo 154 sono stati ricollocati. Per i restanti 106, al termine degli ammortizzatori sociali fissato per fine 2020, l'unica prospettiva sarebbe il licenziamento. 

“Da circa un anno e mezzo seguo con grande attenzione e preoccupazione la vicenda occupazionale che riguarda il recente passaggio di proprietà dei punti vendita ex Auchan - ha dichiarato Appendino -. L'incontro con le organizzazioni sindacali ci ha trovati uniti nel fare fronte comune per scongiurare l'ennesima emorragia occupazionale del nostro territorio. È urgente che Margherita distribuzione spa e Conad si confrontino con i rappresentanti dei lavoratori e con le istituzioni, rispettando le leggi in materia, oltre agli impegni assunti a livello nazionale, volti alla salvaguardia occupazionale di tutte le lavoratrici e i lavoratori. Le 100 famiglie coinvolte devono avere garanzie per il futuro”.

Comportamento antisindacale

Solo lunedì scorso (23 novembre, ndr) si è tenuta una manifestazione dei lavoratori ex Auchan - oggi Conad Margherita, davanti alla sede di corso Romania. La nuova proprietà è già stata condannata dal giudice del Tribunale di Torino per comportamento antisindacale. Sarebbe infatti stato disatteso l'accordo nazionale, sottoscritto a monte, da tutte le organizzazioni.

“È inaccettabile, oltre che illegale - dichiarano Sergio Diecidue, segretario generale aggiunto Uiltucs Torino, e Ivano Franco, della segreteria Filcams Cgil Torino - , che una cessione di ramo d’azienda produca oltre 100 esuberi, perché per legge tali operazioni devono garantire i volumi occupazionali. L'operazione Margherita (ex Auchan) - Conad rappresenta il più grande riassetto della grande distribuzione a livello nazionale. È urgente che le istituzioni, di concerto con il sindacato, monitorino la situazione per evitare forzature illegittime come questa. Dobbiamo mettere in campo ogni azione utile a salvare queste lavoratrici e lavoratori. I tempi sono ristretti, a partire da gennaio 2021 saranno licenziati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

  • Tragedia alla fermata a Torino: colpito da un malore, morto sotto gli occhi di numerose persone

Torna su
TorinoToday è in caricamento