Venerdì, 24 Settembre 2021
Economia

Post Olimpiadi: il tesoretto olimpico rimarrà a Torino

Il governo ha dato parere favorevole alla proposta di legge bipartisan che prevede di utilizzare l'avanzo di bilancio dell'agenzia Torino 2006. Si tratta di 112 milioni di euro a cui se ne devono sottrarre 43

L'avanzo di bilancio dell'agenzia Torino 2006 rimarrà a Torino, il governo ha dato parere favorevole. Si tratta di 112 milioni di euro a cui si devono sottrarre 43 milioni accantonati per i contenziosi giudiziari. La proposta di legge bipartisan - che prevede di utilizzare l’avanzo di bilancio appunto - è stata condivisa da tutte le forze politiche, dal Pd (il primo firmatario è steto Stefano Esposito) passando per le forze del Terzo Polo fino a Pdl (Ghiglia e Napoli) e Lega Nord (Allasia e Cavallotto). I fondi saranno gestiti dalla Fondazione XX marzo, nata su iniziativa degli enti locali alla fine dei Giochi di Torino 2006.

ESPOSITO E MERLO (PD) - "Quella di oggi è stata una giornata importante per il futuro del sistema postolimpico del nostro territorio: il parere positivo della Commissione Bilancio rappresenta un passo quasi decisivo verso l’approvazione della proposta di legge relativa alla 'Valorizzazione e promozione turistica delle valli e dei Comuni montani sede dei siti olimpici invernali Torino 2006' con la quale si attribuiscono alla Fondazione XX Marzo i cento e più milioni di euro residui dell’Agenzia Torino 2006. L’approvazione definitiva dovrebbe avvenire la prossima settimana e poi il testo andrà al Senato. La Regione Piemonte, la Provincia di Torino, il Comune di Torino e tutti i Comuni olimpici potranno finalmente rilanciare i siti olimpici e dare concretezza ad un progetto unitario degli stessi che crei un’alleanza definitiva tra pianura e montagna".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Post Olimpiadi: il tesoretto olimpico rimarrà a Torino

TorinoToday è in caricamento