Domenica, 26 Settembre 2021
Economia None

Indesit di None, il futuro dei lavoratori adesso è a rischio

L'Indesit ha ribadito ai sindacati l'intenzione di trasferire tutta la produzione di lavastoviglie da incasso in Polonia. La trattativa tra azienda e sindacati si aprirà il 9 maggio a Torino

Futuro incerto per i lavoratori della Indesit, la crisi torna a farsi minacciosa. L'Indesit ha ribadito oggi ai sindacati nazionali, in un incontro che si è svolto a Roma, l'intenzione di trasferire tutta la produzione di lavastoviglie da incasso in Polonia, a causa della crisi di mercato.

A questo punto il futuro dello stabilimento di None, nel torinese, è di nuovo, dopo tre anni, a rischio. La trattativa tra azienda e sindacati si aprirà il 9 maggio proprio a Torino. Parteciperà tutto il coordinamento sindacale di gruppo. Domani ci saranno in fabbrica le assemblee con i segretari nazionali dei sindacati Fim, Fiom e Uilm.

I sindacati quindi hanno proclamato tre ore di sciopero in tutto il gruppo Indesit contro l'ipotesi di chiusura. I lavoratori interessati sono 360, mentre non sarebbero coinvolti i 40 del centro ricerche. "Ancora una volta - commenta Alessandro Pagano, coordinatore nazionale del gruppo Indesit per la Fiom - si propone di fare pagare ai lavoratori il prezzo di problemi generali. Ci aspettiamo che l'Indesit faccia una proposta alternativa alla chiusura, per noi impraticabile".(ANSA)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indesit di None, il futuro dei lavoratori adesso è a rischio

TorinoToday è in caricamento