Italiaonline, incontro a Roma per superare la crisi, ma le posizioni sono distanti

Avviato un percorso di confronto tra le parti

Manca ancora l'accordo tra i lavoratori e l'azienda di Italiaonline. Erano in più di 300, provenienti da ogni parte d'Italia - anche da Torino - a manifestare ieri, mercoledì 13 giugno, a Roma davanti al ministero del Lavoro. Qui, mentre nelle varie sedi italiani i lavoratori incrociavano le braccia, si è svolto l'atteso incontro tra azienda, sindacati e istituzioni torinesi, gli assessori Alberto Sacco e Gianna Pentenero. Al tavolo si è discussa la situazione lavorativa dei dipendenti, anche di coloro che lavorano nella sede torinese di corso Mortara.

L'azienda, dei 400 esuberi in questione, propone di risparmiarne 60 che sarebbero ricollocati in una nuova "digital factory" di Italiaonline con sede a Torino. Diversa la posizione dei sindacati che ribadiscono il no ai licenziamenti, suggerendo tutte le strade possibili per evitarli: dai contratti di solidarietà ai prepensionamenti. E' stata comunque avviato un percorso di confronto tra le parti che riprenderà il 19 giugno prossimo, con diversi incontri tra le parti, ai quali parteciperanno anche le istituzioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Non è chiaro come mai un’azienda che continua a macinare utili - ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL -, non riesca a trovare una soluzione per salvare i propri dipendenti che, ancora oggi, dopo l’ennesimo incontro vedono incerte le loro sorti occupazionali. Procediamo sulla strada delle trattative per trovare un accordo che tuteli i lavoratori. È necessario limitare gli esuberi che, a quanto pare, si vorrebbero convertire in cigs, senza alcuna prospettiva di riassunzione. Si riveda, dunque - ha concluso - il piano industriale volto a tutelare l’organico nel suo complesso. Basta giocare con il futuro dei lavoratori.” 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

  • Incidente mortale in città: a perdere la vita uno scooterista di 30 anni

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Delirio in tangenziale: si scontrano auto, furgone e tir. Code di dieci chilometri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento