Fiat Chrysler produrrà mascherine da donare a operatori sanitari e soccorritori

Uno stabilimento verrà riconvertito per l'emergenza Coronavirus

Foto di repertorio

Fiat Chrysler Automobilies convertirà uno dei suoi stabilimenti alla produzione di mascherine. Fin da oggi, lunedì 23 marzo, verranno infatti avviate le attività per la produzione dei dispositivi di protezione così utili in questo periodo di emergenza sanitaria. Al momento non si sa ancora quale sarà lo stabilimento del gruppo torinese che verrà convertito alla produzione di mascherine.

L'obiettivo è quello di arrivare a fabbricare, entro poche settimane, un milione al mese di mascherine da donare a operatori sanitari e soccorritori. Lo ha annunciato l'amministratore delegato del gruppo, Mike Manley, in una lettera indirizzata ai dipendenti e resa nota dai sindacati. 

"In questi tempi eccezionali - scrive Manley - - stiamo valutando come poter sfruttare l'ingegno e le competenze di Fca  per aiutare la comunità. Tanti di voi sapranno che in Italia i nostri team di engineering e del manufacturing insieme ai colleghi della Ferrari stanno collaborando con Siare Engineering, una delle poche aziende che producono respiratori, per aiutarli a raddoppiare la loro produttività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento