rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Economia

Fiat, Marchionne: "Lascerò nel 2015". Poi arriva la smentita

Dal Center for Automotive Research parla l'ad Fiat: "Ci sono sette sindacati e nessuno di loro è realmente rappresentativo. Se vogliamo un futuro dobbiamo lavorare insieme per il successo comune"

Le dichiarazioni dell'ad Fiat da Traverse City hanno avuto ampio risalto sulla stampa italiana. Fiat e Chrysler sono "partner ideali, perfetti per integrarsi". Ma dal Center for Automotive Research, appuntamento annuale dell'industria automobilistica americana, Marchionne ha detto anche altro. Ha accennato a un suo possibile addio nel 2015, o forse nel 2016 e di un successore da trovare all'interno della nuova squadra. Solo una battuta, precisano dal Lingotto, chissà.

"Non c'é spazio tra Fiat e Chrysler - spiega Marchionne - per i nazionalismi o per cercare di essere padroni l'uno dell'altro. Non è una fusione in un'entità omogenea, ma un mosaico in cui tutti i pezzi s'integrano alla perfezione e mantengono la loro identità". Il manager Fiat torna su un concetto a lui caro: "negli Stati Uniti industria, governo, sindacati e istituzioni finanziarie hanno lavorato, insieme, fianco a fianco per fare molto di più che salvare semplicemente l'industria dell'auto". E' quel lavoro di squadra che in Italia manca. Negli Usa alla guida del sindacato c'é Bob King, che ha scelto "di lavorare con l'azienda per aumentare le vendite e di abbandonare la via giudiziaria, le querele e le denunce".

Nel nostro paese la situazione è più articolata, e Marchionne non risparmia critiche: "Ci sono sette sindacati e nessuno di loro è realmente rappresentativo. Se vogliamo un futuro dobbiamo lavorare insieme per il successo comune". Quindi annuncia che in autunno tornerà sulla questione della fuoriuscita dalla Confindustria. Marchionne è orgoglioso del lavoro fatto in Usa: "Per Chrysler in particolare - sottolinea - la grande sfida è accelerare l'integrazione industriale con Fiat. Insieme, i nostri due gruppi saranno in grado di raggiungere la massa critica necessaria per competere su scala globale, con sei milioni di veicoli venduti entro il 2014". Ma già ora "é una barca forte, che può navigare tranquillamente anche in mezzo alla crisi americana, ancora per molto, moltissimo tempo".


L'ad del Lingotto ha anche citato Alice nel Paese delle Meraviglie: "Abbiamo avuto il coraggio di sognare". Ma dall'Italia non sono positivi i commenti alle dichiarazioni  di Marchionne. "Dice che non devono prevalere nazionalismi, ma in Italia il piatto piange. Sforzi e risorse sono concentrati in Usa", osserva il responsabile Auto della Fiom, Giorgio Airaudo. Cesare Damiano, capogruppo Pd in commissione Lavoro della Camera, ricorda che "in Italia si aspettano con ansia gli investimenti promessi", mentre Stefano Saglia, sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico parla di "parole inqualificabili da parte di un manager che ha lasciato sulle spalle del governo uno stabilimento, Termini Imerese, e si appresta a lasciarne un altro, quello di Avellino della Irisbus". Sono questi i due fronti aperti sul piano sindacale. E se per Termini Imerese il ministro Paolo Romani promette "una decisione definitiva" il 7 settembre, l'incontro al ministero sullo stabilimento Irisbus di Valle Ufita, in provincia di Avellino, si conclude per ora con un nulla di fatto: ci sarà un tavolo entro il 31 agosto. "La chiusura sarebbe un dramma", afferma la leader della Cgil, Susanna Camusso.gosto. (ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiat, Marchionne: "Lascerò nel 2015". Poi arriva la smentita

TorinoToday è in caricamento