"Promessa mantenuta", Fca pronta a realizzare Mirafiori 2.0

Alfredo Altavilla, responsabile Emea per Fca, sulla nuova concezione: "Al posto dell'operaio-massa ci saranno lavoratori specializzati con guanti bianchi, portatori di una nuova cultura dell'organizzazione e della qualità"

Il futuro si chiama "Mirafiori 2.0". L'auto rimane a Torino, parola di Alfredo Altavilla, responsabile Emea per Fca, che questa mattina ha accompagnato il sindaco Piero Fassino all'interno dello stabilimento torinese e sottolineato che nonostante in molti parlino di declino del settore e il trasferimento della produzione all'estero, nulla si è mosso da Mirafiori e anzi si pensa al futuro.

All'orizzonte c'è una nuova Mirafiori, un "qualcosa di molto diverso da quello che è nella nostra memoria - ha sottolineato Altavilla -. Al posto dell'operaio-massa ci saranno lavoratori specializzati con guanti bianchi, portatori di una nuova cultura dell'organizzazione e della qualità, all'interno di uno stabilimento ai massimi livelli per ergonomia e per attenzione alla workplace organization".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attualmente sono circa 70 mila i dipendenti Fca in tutta Italia: in Piemonte ce ne sono 28 mila, 18 mila a Torino di cui quasi 17 mila a Mirafiori. Quest'ultima, ha detto Altavilla, "è la fabbrica italiana più famosa al mondo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Scontro tra moto e auto all'incrocio: militare dell'esercito morto sul colpo

  • Allarme all'ora di pranzo: auto dei carabinieri finisce contro un negozio

  • Coronavirus: il Piemonte in controtendenza con l'Italia, i contagi scendono ma di poco

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

Torna su
TorinoToday è in caricamento